Conseguenze del bilinguismo sullo sviluppo del linguaggio

Bilinguismo e sviluppo linguistico e cognitivo: miti e realtà

di Stefania Feriti docente di scuola primaria presso Little England Scuola Primaria Bilingue

Conseguenze del bilinguismo sullo sviluppo del linguaggio

Nella storia generale dell’educazione, forse nessun’altra questione scolastica ha fatto scaturire così tante polemiche e ha dato origine a così tante indagini scientifiche quanto l’apprendimento e l’uso di più di una lingua nella scolarizzazione del bambino. L’uso simultaneo di due codici linguistici è sempre stato considerato una forte potenziale fonte di interferenza nella formazione del bambino; tuttavia studi recenti hanno dimostrato come molto spesso le critiche mosse ai modelli di educazione bilingue si siano spesso rivelate prive di fondamento.

bilinguismo

Quando si parla di sviluppo del linguaggio nei bambini bilingui, ci si concentra in particolare su tre punti:

  • un presunto ritardo nello sviluppo linguistico;
  • il mix di codice (come possibile segno di confusione);
  • lo sbilanciamento dei risultati, che non permette ai bilingui di riuscire equamente bene in entrambe le lingue.

Genesee ha dimostrato che bilingui e monolingui raggiungono approssimativamente nello stesso momento le cosiddette pietre miliari dell’acquisizione linguistica, tenendo in considerazione che, indipendentemente dal fatto di essere mono- o bi-lingue, i bambini in generale riescono a conquistare questi punti fermi in età differenti. In ogni caso, verso i cinque anni, entrambe i gruppi si sono dimostrati in grado di comunicare in maniera abbastanza corretta. Molti educatori pensano ancora oggi che la L2 non possa che ostacolare l’acquisizione della L1 e l’apprendimento in generale, perché viene considerata una possibile fonte di interferenza. Ma le più recenti ricerche in questo campo hanno messo in evidenza esattamente il contrario, e cioè che l’utilizzazione formale della L1 in concomitanza con la L2 non solo porta ad un miglioramento notevole delle abilità cognitive del bambino, ma anche, e soprattutto, ad una facilità superiore nell’apprendere tanto la L1 quanto la L2. L’apprendimento formale di un codice linguistico, infatti, costituisce una potenziale fonte di competenza linguistica generalizzabile, che il bambino può applicare all’apprendimento di un codice linguistico in cui ha scarsa competenza linguistica e/o grammaticale.

Pur essendo corretto affermare che i bambini bilingui possiedono un vocabolario minore in entrambe le lingue, se comparati ai loro compagni monolingui, è altrettanto vero che se uniamo i vocaboli conosciuti dai bambini in entrambe le lingue otterremo un’ampiezza di vocabolario maggiore rispetto agli altri. È così da sfatare il mito dello spazio neurologico (ben presentato da Danesi), che nella prima metà di questo secolo sosteneva l’esistenza di uno spazio limitato nel cervello per il linguaggio. Questo aveva portato a pensare che la presenza della L2 nel cervello del bambino non potesse che costituire un ostacolo neurologico allo sviluppo della L1. Tuttavia, dai risultati emersi dalle ricerche sull’organizzazione del linguaggio nel bambino bilingue, è diventato ovvio che tale nozione è priva di fondatezza. Al contrario, si è dimostrato come la presenza di due codici verbali nel cervello porti ad un “arricchimento cerebrale”:

– l’organizzazione del linguaggio nel cervello di un bilingue sembra essere più bilaterale rispetto all’organizzazione cerebrale del cervello monolingue;

– l’emisfero destro svolge un ruolo molto più importane nella rappresentazione cerebrale dei due codici;

– la dominanza cerebrale nell’individuo bilingue tende ad essere meno rigida di quella presente nell’individuo monolingue.

Tali affermazioni suggeriscono che se è pur vero che i bambini bilingui sono all’inizio leggermente più lenti rispetto ai compagni nella ricerca di una parola dal proprio lessico mentale, non bisogna dimenticare che questa è solo una fase di passaggio, che avviene perché i bambini bilingui devono scegliere tra due lingue e non pescare solo da una. I due codici del bilingue sono infatti complementari e cooperativi nell’elaborare l’input verbale, attivando più regioni cerebrali e arricchendo in questo modo col tempo le capacità neuro-funzionali della persona bilingue.

Queste osservazioni rispondono anche alle critiche riguardanti la confusione dovuta al mix di codice (o alternanza di codice), contro le quali lo stesso Genesee ha dimostrato come fin dall’inizio i bambini bilingui siano in grado di sviluppare due sistemi linguistici autonomi, che interagiscono a livello fonologico e sintattico. In base all’interlocutore e alla situazione in cui si trovano, i bambini fanno scelte linguistiche: pensiamo ad esempio ai figli di genitori che parlano due lingue diverse e che si rivolgono all’uno o all’altra utilizzando la lingua di comunicazione più veloce; in questo caso alternanza di codice e mix di codice possono quindi essere una scelta conscia. Proprio perché certi ambiti della vita dei bilingui sono collegati all’uso di una sola lingua, molti bilingui in quei particolari ambiti semplicemente non dispongono degli equivalenti traduttivi, in particolare se si tratta di concetti nuovi. Questo però non impedisce una comunicazione fluente e corretta.

I critici all’educazione bilingue lamentavano infine lo sbilanciamento dei risultati, vale a dire il fatto che i bambini dimostrassero competenze inferiori in una lingua piuttosto che nell’altra. Ora, in base alla quantità e alla qualità dell’input, al tempo di esposizione all’una o all’altra lingua, e agli ambiti in cui le due lingue vengono usate, è indiscutibile che i bambini siano più competenti in una delle due lingue: in altre parole non si può negare che i parlanti bilingui abbiano una lingua dominante e una non-dominante. Il bilingue completamente bilanciato, in grado di avere risultati equamente perfetti in entrambe le lingue, è un fenomeno molto raro. È tuttavia interessante notare come questa dominanza linguistica sembra essere soggetta a continui cambiamenti nel corso del tempo, causati prevalentemente dalla quantità e dalla qualità della pratica linguistica. Alcuni studiosi attribuiscono la dominanza a fattori soggettivi (indagabili attraverso l’introspezione e collegati agli atteggiamenti del parlante riguardo alle varie lingue), mentre secondo altri essa dipende da fattori oggettivi, soprattutto funzionali. Riporto in merito un’esperienza personale: nella scuola dove ho fatto tirocinio ho parlato spesso con un insegnante canadese, con madre francese e padre inglese, che ha viaggiato molto. Ha vissuto in Canada per alcuni anni, poi la famiglia si è trasferita nel Regno Unito, lui ha lavorato in Kenya per diverso tempo e infine si è trasferito in Francia per studiare all’Università di Tolosa. Alla mia domanda su quale fosse per lui la lingua dominante, egli mi ha risposto che in questo momento è il francese, ma solo perché ultimamente ha vissuto in Francia per un lungo periodo. “Se me l’avessi chiesto dieci anni fa, ti avrei probabilmente risposto l’inglese”, ha poi concluso. Questo esempio conferma quanto sopra indicato, e cioè che la dominanza linguistica per un bilingue non è una cosa fissa e determinata, ma che cambia in base alle situazioni che vive nel corso degli anni.

Ti può interessare anche:

Crescere nel bilinguismo. Aspetti cognitivi, linguistici ed emotivi

Come favorire il bilinguismo dei bambini

Guida per genitori di bambini bilingui

BIBLIOGRAFIA

LIBRI E PUBBLICAZIONI

Agazzi, Didattica degli insegnamenti linguistici,Vita e Pensiero, Milano, 1975.

Anzideo, Piccoli immigrati in Europa. Confronto tra le strategie di inserimento scolastico, tesi di laurea. Università Cattolica del Sacro Cuore, Corso di laurea in Scienze della formazione a.a. 2002/2003 rel. M. Santeri

E. Balboni, Dizionario di glottodidattica, Guerra Edizioni, Perugia 1999.

P.E. Balboni, (a cura di), Educazione Bilingue, Guerra Edizioni, Perugia 1999

Baker, Foundations of Bilingual Education and Bilingualism, 3rd ed. Multilingual Matters, Clevedon

Bernarducci, L’acquisizione del linguaggio e del bilinguismo, Tesi di Laurea, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Facoltà di Psicologia 1, Corso di laurea in Diagnosi e Riabilitazione dei Disturbi Cognitivi, a.a. 2005/2006, rel. P. Zoccolotti.

Berruto, Sociolinguistica dell’italiano contemporaneo, La Nuova Italia Scientifica, Roma 1987.
Bondi, D. Ghelfi, B. Toni, (a cura di). Teaching English – Ricerca e pratiche innovative per la scuola primaria, Tecnodid Editrice, Napoli, 2006
Cardinali, L’insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria attraverso un approccio ludico-comunicativo, tesi di laurea. Università di Urbino, Corso di laurea in Scienze della formazione a.a. 2010/2011 rel. R. Coles.
Carli, (a cura di), Aspetti linguistici e interculturali del bilinguismo. Franco Angeli, Milano.,
Chomsky, Le strutture della sintassi, Laterza, Roma, 1980.
C.M. Coonan, La lingua straniera veicolare, UTET, Torino, 2002.
Consejería de Educación – Comunidad de Madrid, Los Programas de Enseñanza Bilingüe de la Comunidad de Madrid. Un estudio comparado, Madrid 2012.
Deshays, Come favorire il bilinguismo dei bambini, Red Edizioni, Novara 2003.
Elsner, J. Kessler, Bilingual Education in Primary School, Narr Francke Attempto Verlag GmbH + Co. KG, Tübingen, 2013.

Elsner, J. Kessler, Bilingual Education in Primary School, Narr Francke Attempto Verlag GmbH + Co. KG, Tübingen, 2013.

European Commission/EACEA/Eurydice, Towards a Mobility Scoreboard: Conditions for Learning Abroad in Europe. Publications Office of the European Union, Luxembourg, 2013.

European Commission, Teaching and learning: toward the learning society, European Commission, Brussels, 1996.

Extra, K. Yağmur (eds.), Language Rich Europe – Tendenze nelle politiche e nelle pratiche per il multilinguismo in Europa, Cambridge University Press, Novembre 2012

Eurydice, Content and Language Integrated Learning (CLIL) at school in Europe: Country Report: Germany. European Commission, Bruxelles 2006.

Giunchi, Introduzione all’acquisizione delle lingue, Edizioni della Facoltà di Lettere e Filosofia La Sapienza, Roma 2002.

Grosjean, Life with Two Languages: An Introduction to Bilingualism, Harvard University Press, Cambridge 1982.

Hoff & M. Shatz (eds.), Handbook of Language Development , Blackwell, Oxford, England,

Hughes, Studies in bilingual Education, Bern [etc.], 2011.

Krashen, Why Bilingual Education? Office of Educational Research and Improvement, U.S. Department of Education, 1997.

Laurence, N. Njouogwa, Osservare l’interlingua a scuola, tesi di laurea, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Università degli Studi di Bologna, Facoltà di Scienze della Formazione, Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria, a.a. 2005/2006. Rel. G. Pallotti.

Marsh, B. Marsland, T. Nikula (a cura di), Aspects of implementing plurilingual education, The continuing education centre, University of Jyväskylä, Finlandia 1997.

Marsh, P. Mehisto, D. Wolff, M.J. Frigols Martín, European Framework for CLIL Teacher Education – A framework for the professional development of CLIL teachers, European Centre for Modern Languages, Council of Europe.

Ó Riagáin, G. Lüdi, Bilingual Education: some policy issues, Council of Europe, Strasbourg 2003.

Paciotto, F. Toso, Il bilinguismo tra conservazione e minaccia: esempi e presupposti per interventi di politica linguistica e di educazione bilingue, Angeli, Milano 2004.

Porcelli, Principi di glottodidattica, La Scuola, Brescia, ristampa 2013.

Porcelli, Comunicare in lingua straniera: il lessico, UTET-Libreria, Torino 2004.

Pulvirenti, F. Applicazioni didattiche degli studi sulle sequenze di acquisizione della L2, Tesina finale del corso di formazione CIS, Università degli Studi di Bergamo, Rel. E. Nuzzo, 2009.

Sánchez Llana, Bilingual Education Models in Primary Schools: The Case of Asturias, Trabajo fin del Máster en Ensenanza Integrada de la lengua inglesa y contenidos: educación infantil y primaria, Universidad de Oviedo, Facultad de Formación del Profesorado y Educación, 2013.

Santipolo, (a cura di), Educare i bambini alla lingua inglese, Pensa MultiMedia Editore, Lecce-Brescia, 2012.

Taeschner, Insegnare la lingua straniera. Prospettive teoriche e didattica per la scuola elementare, Il Mulino, Bologna, 1987.

Titone, Bilinguismo precoce ed educazione bilingue. Armando, Roma, 1976.

Warren & H. M. Benbow (eds.), Multilingual Europe: Reflections on Language and Identity, Cambridge Scholars Publishing, Newcastle upon Tyne, 2008.

Weinreich, Languages in Contact: Findings and Problems, Dover Publications, New York, 1953.

 

RIVISTE E PERIODICI

Bonifacci, G. Cappello, S. Bellocchi, “Linguaggio e cognizione: implicazioni dal bilinguismo” in Rivista Italiana di Filosofia del Linguaggio, n. 5, 2012.

Bialystok, “Reshaping the mind: the benefits of Bilingualism in Canadian Journal of Experimental Pshchology, vol. 65, n. 4, 2011.

Bialystok, F.I.M Craik, D.W. Green, T.H. Gollan, “Bilingual Minds”, in Psychological Science in the public interest, n. 10. 2009.

C.M. Coonan, “Opportunità di usare la LS nella lezione CLIL: importanza, problemi, soluzioni”, in Studi di Glottodidattica 2009, 2.

Gelso, “Creoli e interlingue: un confronto”, in Italiano LinguaDue, n. 1. 2009.

Lucatorto, “Insegnamento bilingue: problema o risorsa? Dalle esperienze passate agli studenti stranieri in Italia”, inStudi di Glottodidattica, n.1, 2007.

Skela, “The Communicative Approach to Foreign Language Teaching: naturally rational or rationally natural? A picture history of ELT” in Vestnik, 39, 93-111 (trad.it. “L’approccio comunicativo all’insegnamento della lingua straniera: naturalmente razionale o razionalmente naturale? Storia illustrata dell’insegnamento della lingua straniera (inglese)”, a cura di Barbara Cauzzo e Maria Bortoluzzi) 2005.

Ramos, “Fomentando el bilingüismo en la escuela en dos contextos diferentes: los programas bilingües inglés-español en Estados Unidos y Andalucía”, in Revista Española de Educación Comparada, 13, 2007.

Lova Mellado, M.J. Bolarín Martínez, M. Porto Currás, “Programas bilingües en Educación Primaria: Valoraciones de docentes”, in Porta Linguarum  20, 2013.

 

DOCUMENTI E NORMATIVA

Comunicazione del Consiglio e della Commissione, Istruzione e formazione 2010. L’urgenza delle riforme per la riuscita della strategia di Lisbona. Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea del 30.4.2004.

Communication from the commission to the council, the European Parliament, the Economic and Social Committee and the Committee of the Regions, Promoting Language Learning and Linguistic Diversity: An Action Plan 2004-2006, Brussels, 24.07.2003, COM (2003) 449 final

Conclusiones del Consejo, de 19 de mayo de 2006, sobre el indicador europeo de competencia lingüistica. DOC172 de 25.7.2006.

Consiglio “Istruzione, gioventù e cultura”, Risoluzione del Consiglio relativa a una strategia europea per il multilinguismo, 16207/08 EDUC 273 SOC 718 CULT 138.

Consiglio d’Europa, Common European Framework for Languages: Learning, Teaching, Assessment, Language Policy Division, Strasbourg, 2001.

DL 19 febbraio 2004, n. 59 Definizione delle norme generali relative alla scuola dell’infanzia e al primo ciclo dell’istruzione, a norma dell’articolo 1 della legge 28 marzo 2003, n. 53.

DM 3 giugno 1991, Orientamenti dell’attività educativa nelle scuole materne statali.

Junta de Andalucía – Consejería de Educación – Dirección General de Innovación Educativa y Formación del Profesorado, Guía Informativa para Centros de Enseñanza Bilingüe – Metodología y Evaluación, 2011.

18 dicembre 1997, n. 440, in materia di Istituzione del Fondo per l’arricchimento e l’ampliamento dell’offerta formativa e per gli interventi perequativi.

Ministerio De Educación, Cultura y Deporte de España. Currículo integrado hispano-británico para educación infantil y orientaciones para su desarrollo, Centro Nacional de Innovación e Investigación Educativa, Madrid 2012.

Ministerio de Educación y Ciencia, Orientaciones para el desarrollo del currículo integrado hispano-británico en educación primaria, Estilo Estugraf Impresores, Madrid, 2006.

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’Infanzia e del Primo Ciclo di Istruzione, 2012.

Orden del 16 mayo 2005 del Consejero de Educación e Instrucciones del 1 de Junio de la Viceconsejería de Educación.

ARTICOLI DI GIORNALE

Gutiérrez, 2012, La UAB formará a maestros bilingües en inglés a partir del próximo curso, La Vanguardia, 2012.

Nicastro, La Spagna punta sulle scuole bilingui. Nel segno del compromesso, Corriere della Sera, 22 febbraio 2014.

images

"Famiglia", "Innovazione", "Linguaggio"

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.