Conseguenze del bilinguismo sullo sviluppo cognitivo

di Stefania Feriti docente di Scuola Primaria presso Little England Scuola Primaria Bilingue

Conseguenze del bilinguismo sullo sviluppo cognitivo

Sono stati condotti negli anni vari studi con l’obiettivo di esplorare gli effetti del bilinguismo sullo sviluppo cognitivo del parlante. Se le ricerche più recenti offrono pareri più che positivi all’acquisizione precoce di una L2, negli anni 50 e 60 non mancarono le critiche al modello bilingue, in particolare relative proprio allo sviluppo cognitivo dei bambini bilingui rispetto ai loro compagni.

Oggi si ritiene invece che i bambini che acquisiscono precocemente due lingue sviluppino un sistema neurologico di coordinamento e controllo dei due codici caratterizzato da:

  1. a) intelligenza divergente e pensiero creativo: secondo gli studi condotti da Peal & Lambert il bilinguismo fornisce una flessibilità mentale più ampia, una maggiore attitudine per il ragionamento astratto e il pensiero divergente e una migliore capacità di formazione dei concetti. Uno dei modi in cui gli studiosi hanno esaminato il pensiero divergente è stato chiedere ad un bambino di elencare il maggior numero di modi possibili in cui usare un determinato oggetto. Sembra che i bilingui si siano dimostrati migliori rispetto ai monolingui perché conoscono più parole che stanno ad indicare un medesimo oggetto e in questo modo si siano dimostrati in grado di attivare una maggiore varietà di associazioni e alternative lessicali. Il fatto di dover usare continuamente due lingue e gestire l’interazione cross-linguistica sembra avere degli effetti positivi anche sull’abilità dei bilingui di immaginare idee nuove e finali alternativi, sviluppando quello che viene indicato come pensiero creativo.
  2. b) consapevolezza metalinguistica: si riferisce all’abilità di riflettere sull’uso della lingua e sui suoi elementi sistematici, nonché sulla capacità di riflettere sulla forma e non solo sui contenuti di un messaggio. Secondo Bialystok i bambini bilingui sono meno legati al significato specifico delle parole: per fare un esempio, di fronte ad una frase come ‘Il gatto abbaia’ i bambini monolingui rispondono che ‘non ha senso’ o ‘è stupida’ mentre i bilingui dicono ‘è stupida ma corretta!’ dimostrando di dare una particolare attenzione appunto alla forma linguistica. Questa attitudine può essere utile anche nello sviluppo dei concetti di numero e del valore simbolico legato ai numeri.
  3. c) controllo cognitivo e selezione attentiva: i bilingui esposti a due lingue devono essere in grado di controllare queste lingue in base all’interlocutore, e, nel caso, passare da una lingua all’altra in situazione di necessità. Prendiamo per esempio una bambina bilingue inglese-olandese, la cui madre parla olandese e il cui padre parla inglese. I genitori hanno deciso di seguire la strategia one parent-one language, parlando alla bambina ciascuno nella propria lingua. Se la bambina parla inglese con il padre e olandese con la madre, dovrà ripetutamente cambiare lingua, selezionando la lingua adatta alla situazione ed inibendo l’altra. Nel farlo la bambina dovrà monitorare le sue scelte linguistiche e in questo modo eserciterà continuamente il suo meccanismo di controllo esecutivo, il che porta, come è stato dimostrato, ad un vantaggio nel controllo cognitivo rispetto ai bambini monolingui. Un altro esempio riguarda un esperimento che ha dimostrato che durante la guida dell’auto, monolingui e bilingui che venivano disturbati da un altro compito, ad esempio parlare al cellulare, subivano tutti delle conseguenze, ma i bilingui in misura minore. In questo caso, un’esperienza linguistica mostra i suoi effetti su capacità cognitive più generali ed è questa la scoperta più sorprendente. Bialystok afferma così che i bambini bilingui dimostrano un maggiore controllo selettivo dell’attenzione, vale a dire un’abilità superiore nel focalizzare l’informazione ricercata, ignorando le interferenze.

Come si è visto, tutti gli studi più recenti dimostrano come, sul lungo periodo, siano più i vantaggi che gli svantaggi legati al bilinguismo. Gli svantaggi riscontrati nei bambini bilingui riguardano fino ad ora il possesso di un vocabolario meno ampio, una minore velocità in particolare all’inizio nel trovare le risposte giuste e delle piccole interferenze tra le due lingue. Tuttavia spesso questi svantaggi sono passeggeri e vengono ampiamente bilanciati dai vantaggi, sia in campo linguistico, sia in campo cognitivo, che abbiamo fino a qui analizzato.

Ti può interessare anche:

Crescere nel bilinguismo. Aspetti cognitivi, linguistici ed emotivi

Come favorire il bilinguismo dei bambini

Guida per genitori di bambini bilingui

BIBLIOGRAFIA

LIBRI E PUBBLICAZIONI

Agazzi, Didattica degli insegnamenti linguistici,Vita e Pensiero, Milano, 1975.

Anzideo, Piccoli immigrati in Europa. Confronto tra le strategie di inserimento scolastico, tesi di laurea. Università Cattolica del Sacro Cuore, Corso di laurea in Scienze della formazione a.a. 2002/2003 rel. M. Santeri

E. Balboni, Dizionario di glottodidattica, Guerra Edizioni, Perugia 1999.

P.E. Balboni, (a cura di), Educazione Bilingue, Guerra Edizioni, Perugia 1999

Baker, Foundations of Bilingual Education and Bilingualism, 3rd ed. Multilingual Matters, Clevedon

Bernarducci, L’acquisizione del linguaggio e del bilinguismo, Tesi di Laurea, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Facoltà di Psicologia 1, Corso di laurea in Diagnosi e Riabilitazione dei Disturbi Cognitivi, a.a. 2005/2006, rel. P. Zoccolotti.

Berruto, Sociolinguistica dell’italiano contemporaneo, La Nuova Italia Scientifica, Roma 1987.
Bondi, D. Ghelfi, B. Toni, (a cura di). Teaching English – Ricerca e pratiche innovative per la scuola primaria, Tecnodid Editrice, Napoli, 2006

Cardinali, L’insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria attraverso un approccio ludico-comunicativo, tesi di laurea. Università di Urbino, Corso di laurea in Scienze della formazione a.a. 2010/2011 rel. R. Coles.

Carli, (a cura di), Aspetti linguistici e interculturali del bilinguismo. Franco Angeli, Milano.,
Chomsky, Le strutture della sintassi, Laterza, Roma, 1980.
C.M. Coonan, La lingua straniera veicolare, UTET, Torino, 2002.

Consejería de Educación – Comunidad de Madrid, Los Programas de Enseñanza Bilingüe de la Comunidad de Madrid. Un estudio comparado, Madrid 2012.

Deshays, Come favorire il bilinguismo dei bambini, Red Edizioni, Novara 2003.
Elsner, J. Kessler, Bilingual Education in Primary School, Narr Francke Attempto Verlag GmbH + Co. KG, Tübingen, 2013.

Elsner, J. Kessler, Bilingual Education in Primary School, Narr Francke Attempto Verlag GmbH + Co. KG, Tübingen, 2013.

European Commission/EACEA/Eurydice, Towards a Mobility Scoreboard: Conditions for Learning Abroad in Europe. Publications Office of the European Union, Luxembourg, 2013.

European Commission, Teaching and learning: toward the learning society, European Commission, Brussels, 1996.

Extra, K. Yağmur (eds.), Language Rich Europe – Tendenze nelle politiche e nelle pratiche per il multilinguismo in Europa, Cambridge University Press, Novembre 2012

Eurydice, Content and Language Integrated Learning (CLIL) at school in Europe: Country Report: Germany. European Commission, Bruxelles 2006.

Giunchi, Introduzione all’acquisizione delle lingue, Edizioni della Facoltà di Lettere e Filosofia La Sapienza, Roma 2002.

Grosjean, Life with Two Languages: An Introduction to Bilingualism, Harvard University Press, Cambridge 1982.

Hoff & M. Shatz (eds.), Handbook of Language Development , Blackwell, Oxford, England,

Hughes, Studies in bilingual Education, Bern [etc.], 2011.

Krashen, Why Bilingual Education? Office of Educational Research and Improvement, U.S. Department of Education, 1997.

Laurence, N. Njouogwa, Osservare l’interlingua a scuola, tesi di laurea, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Università degli Studi di Bologna, Facoltà di Scienze della Formazione, Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria, a.a. 2005/2006. Rel. G. Pallotti.

Marsh, B. Marsland, T. Nikula (a cura di), Aspects of implementing plurilingual education, The continuing education centre, University of Jyväskylä, Finlandia 1997.

Marsh, P. Mehisto, D. Wolff, M.J. Frigols Martín, European Framework for CLIL Teacher Education – A framework for the professional development of CLIL teachers, European Centre for Modern Languages, Council of Europe.

Ó Riagáin, G. Lüdi, Bilingual Education: some policy issues, Council of Europe, Strasbourg 2003.

Paciotto, F. Toso, Il bilinguismo tra conservazione e minaccia: esempi e presupposti per interventi di politica linguistica e di educazione bilingue, Angeli, Milano 2004.

Porcelli, Principi di glottodidattica, La Scuola, Brescia, ristampa 2013.

Porcelli, Comunicare in lingua straniera: il lessico, UTET-Libreria, Torino 2004.

Pulvirenti, F. Applicazioni didattiche degli studi sulle sequenze di acquisizione della L2, Tesina finale del corso di formazione CIS, Università degli Studi di Bergamo, Rel. E. Nuzzo, 2009.

Sánchez Llana, Bilingual Education Models in Primary Schools: The Case of Asturias, Trabajo fin del Máster en Ensenanza Integrada de la lengua inglesa y contenidos: educación infantil y primaria, Universidad de Oviedo, Facultad de Formación del Profesorado y Educación, 2013.

Santipolo, (a cura di), Educare i bambini alla lingua inglese, Pensa MultiMedia Editore, Lecce-Brescia, 2012.

Taeschner, Insegnare la lingua straniera. Prospettive teoriche e didattica per la scuola elementare, Il Mulino, Bologna, 1987.

Titone, Bilinguismo precoce ed educazione bilingue. Armando, Roma, 1976.

Warren & H. M. Benbow (eds.), Multilingual Europe: Reflections on Language and Identity, Cambridge Scholars Publishing, Newcastle upon Tyne, 2008.

Weinreich, Languages in Contact: Findings and Problems, Dover Publications, New York, 1953.

 

RIVISTE E PERIODICI

Bonifacci, G. Cappello, S. Bellocchi, “Linguaggio e cognizione: implicazioni dal bilinguismo” in Rivista Italiana di Filosofia del Linguaggio, n. 5, 2012.

Bialystok, “Reshaping the mind: the benefits of Bilingualism in Canadian Journal of Experimental Pshchology, vol. 65, n. 4, 2011.

Bialystok, F.I.M Craik, D.W. Green, T.H. Gollan, “Bilingual Minds”, in Psychological Science in the public interest, n. 10. 2009.

C.M. Coonan, “Opportunità di usare la LS nella lezione CLIL: importanza, problemi, soluzioni”, in Studi di Glottodidattica 2009, 2.

Gelso, “Creoli e interlingue: un confronto”, in Italiano LinguaDue, n. 1. 2009.

Lucatorto, “Insegnamento bilingue: problema o risorsa? Dalle esperienze passate agli studenti stranieri in Italia”, inStudi di Glottodidattica, n.1, 2007.

Skela, “The Communicative Approach to Foreign Language Teaching: naturally rational or rationally natural? A picture history of ELT” in Vestnik, 39, 93-111 (trad.it. “L’approccio comunicativo all’insegnamento della lingua straniera: naturalmente razionale o razionalmente naturale? Storia illustrata dell’insegnamento della lingua straniera (inglese)”, a cura di Barbara Cauzzo e Maria Bortoluzzi) 2005.

Ramos, “Fomentando el bilingüismo en la escuela en dos contextos diferentes: los programas bilingües inglés-español en Estados Unidos y Andalucía”, in Revista Española de Educación Comparada, 13, 2007.

Lova Mellado, M.J. Bolarín Martínez, M. Porto Currás, “Programas bilingües en Educación Primaria: Valoraciones de docentes”, in Porta Linguarum  20, 2013.

 

DOCUMENTI E NORMATIVA

Comunicazione del Consiglio e della Commissione, Istruzione e formazione 2010. L’urgenza delle riforme per la riuscita della strategia di Lisbona. Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea del 30.4.2004.

Communication from the commission to the council, the European Parliament, the Economic and Social Committee and the Committee of the Regions, Promoting Language Learning and Linguistic Diversity: An Action Plan 2004-2006, Brussels, 24.07.2003, COM (2003) 449 final

Conclusiones del Consejo, de 19 de mayo de 2006, sobre el indicador europeo de competencia lingüistica. DOC172 de 25.7.2006.

Consiglio “Istruzione, gioventù e cultura”, Risoluzione del Consiglio relativa a una strategia europea per il multilinguismo, 16207/08 EDUC 273 SOC 718 CULT 138.

Consiglio d’Europa, Common European Framework for Languages: Learning, Teaching, Assessment, Language Policy Division, Strasbourg, 2001.

DL 19 febbraio 2004, n. 59 Definizione delle norme generali relative alla scuola dell’infanzia e al primo ciclo dell’istruzione, a norma dell’articolo 1 della legge 28 marzo 2003, n. 53.

DM 3 giugno 1991, Orientamenti dell’attività educativa nelle scuole materne statali.

Junta de Andalucía – Consejería de Educación – Dirección General de Innovación Educativa y Formación del Profesorado, Guía Informativa para Centros de Enseñanza Bilingüe – Metodología y Evaluación, 2011.

18 dicembre 1997, n. 440, in materia di Istituzione del Fondo per l’arricchimento e l’ampliamento dell’offerta formativa e per gli interventi perequativi.

Ministerio De Educación, Cultura y Deporte de España. Currículo integrado hispano-británico para educación infantil y orientaciones para su desarrollo, Centro Nacional de Innovación e Investigación Educativa, Madrid 2012.

Ministerio de Educación y Ciencia, Orientaciones para el desarrollo del currículo integrado hispano-británico en educación primaria, Estilo Estugraf Impresores, Madrid, 2006.

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’Infanzia e del Primo Ciclo di Istruzione, 2012.

Orden del 16 mayo 2005 del Consejero de Educación e Instrucciones del 1 de Junio de la Viceconsejería de Educación.

ARTICOLI DI GIORNALE

Gutiérrez, 2012, La UAB formará a maestros bilingües en inglés a partir del próximo curso, La Vanguardia, 2012.

Nicastro, La Spagna punta sulle scuole bilingui. Nel segno del compromesso, Corriere della Sera, 22 febbraio 2014.

images

 

Tag: ,

Comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.