Fertilità: come migliorarla

Tu e il tuo partner avete deciso di avere un figlio?
Ecco quali sono le buone abitudini per aumentare la fertilità

1.CONTROLLATE IL VOSTRO STATO DI SALUTE

Il primo consiglio è quello di fissare un appuntamento con il vostro medico di base per discutere dei vostri progetti e per provvedere agli accertamenti necessari prima di rimanere incinte.

Effettuate un controllo completo della vostra salute sessuale, quasi tutte le infezioni sono facilmente curabili ma non sono da sottovalutare.

Se soffrite di patologie come l’asma, l’anemia, l’ipertensione, il diabete e i disturbi tiroidei, discutete le implicazioni e i trattamenti con il vostro medico.

Inoltre è importante conoscere il backgrount etnico della vostra famiglia per valutare la probabilità di eventuali malattie.

2. UOVA E SPERMATOZOI SANI

E’ indispensabile un’adeguata preparazione per avere uova e spermatozoi sani. Queste cellule, come le altri presenti nel nostro corpo, devono essere in grado di riparare e resistere ai danni provocati dai radicali liberi.

Un’alimentazione adeguata aiuta ovaie e testicoli a funzionare bene.

NO a droghe, alcol e ad alimentazione insufficiente.

Anche lo stile di vita, lo stress e l’inquinamento possono influire negativamente sul nostro stato ormonale. Affrontiamo nel dettaglio tutti questi aspetti:

ALIMENTAZIONE SANA

Per una dieta sana occorrono preparazione e tempo ma non sempre è possibile organizzarsi. Per questo motivo risulta fondamentale predisporre il nostro organismo ad assorbire la maggior quantità possibile di nutrimenti curando il nostro apparato digerente.

Consigli per migliorare la digestione

  • Mangiatee con calma e masticate bene;
  • non bere acqua durante ai pasti (diluisce i succhi gastrici), ma berne molta nel corso della giornata;
  • evitate il consumo di cibi crudi nelle ore serali;
  • mantenete livelli equilibrati di zuccheri nel sangue;
  • mescolate proteine e carboidrati, perchè ciò prolunga il processo digestivo;
  • non saltate i pasti;
  • eliminate carboidrati raffinati (esempio torte, biscotti …).

Ogni dieta ‘in rosa’ dovrebbe inoltre prevedere:

  • la supplementazione di ferro eme (una componente dell’emoglobina e di altre proteine contenuto in piccola parte nel ferro alimentare) derivato da prodotti animali, quali la carne, e di ferro non-eme derivato da alimenti di origine vegetale, latte e simili;
  • il consumo di proteine di origine vegetale, in particolare di legumi, e di cereali integrali (pane, pasta e riso);
  • il corretto apporto di vitamine;
  • il consumo di carne non più di 5 volte a settimana, alternato a pesce e legumi, una porzione di verdura ad ogni pasto e circa tre frutti al giorno;
  • l’utilizzo di olio di oliva a crudo, integrato con piccole quantità di olio di semi;
  • il rispetto del fabbisogno giornaliero di acido folico.

Vi segnalo gli alimenti che possono aumentare il rischio di infertilità:

  • latte scremato e derivati, quali yogurt e gelato (naturalmente se assunti in dosi elevate);
  • eccessivo uso di grassi saturi, presenti prevalentemente nei grassi di origine animale (burro, lardo, strutto) a discapito dell’apporto di carboidrati e grassi insaturi.

STILE DI VITA

Prima di cercare attivamente di concepire un bambino, esaminate i fattori dello stile di vita vostro e del vostro partner per assicurarvi che il modo in cui vivete non comprometta il concepimento e la gravidanza. Molti di noi sono esposti a pressioni di vario tipo. Domandatevi che cosa potete cambiare nella vostra esistenza per favorire il vostro benessere generale.

Se desiderate rimanere incinta, vi consiglio di rispondere ai seguenti quesiti:

  • bevete alcolici?
  • fumate?
  • fate uso di droghe?
  • il vostro peso è quello giusto?
  • dormite bene?
  • fate esercizio fisico?

Poco alcol

L’alcol danneggia gli organi riproduttivi ed è tossico per gli spermatozoi.

Le ultime indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità su alcool e fertilità raccomandano agli uomini di non bere più di 3 bicchieri al giorno di vino (pari a 40 grammi di alcol) e alle donne non più di 1 bicchiere e mezzo (20 grammi).

Niente fumo

Vietato fumare: non solo in gravidanza ma anche prima. Il fumo, infatti, è uno dei principali nemici della fertilità, sia maschile che femminile.

“È un dato di fatto che le donne che fumano hanno un rischio di infertilità del 60% più alto rispetto alle donne che non fumano” osserva Savasi. “Il fumo riduce la motilità delle cellule cigliate delle tube di Falloppio – che hanno il compito di favorire la risalita degli spermatozoi verso la zona terminale delle tube stesse, dove avviene in concepimento – aumenta i radicali liberi, provoca una produzione inadeguata di ormoni che interferisce con l’ovulazione e può anticipare la menopausa di un periodo fino a 4 anni”.

Nessuna droga

Il consumo di droghe, oramai è accertato, a prescindere che siano leggere o pesanti costituisce un reale pericolo per la salute della mamma e del bambino. 


Attenzione al peso: meglio evitare sovrappeso e obesità

Le donne sovrappeso sono meno fertili e hanno maggiori probabilità di abortire spontaneamente e di avere complicazioni durante la gravidanza.

Anche essere troppo magri, però, non aiuta nella ricerca di un figlio. Le donne sottopeso possono avere difficoltà di ovulazione e produzione estrogena e se concepiscono, possono non produrre ormoni sufficienti per la continuazione della gravidanza.

Dormire bene

Il sonno è un vero e proprio dispensatore di energie e consente al corpo di rigenerarsi. Se programmate una gravidanza, dovete esaminare con attenzione il vostro stile di vita ed adottare abitudini di sonno salutari.

Fare attività fisica ma senza esagerare

Nelle donne, praticare almeno mezz’ora al giorno di attività fisica aiuta a migliorare la funzionalità ovarica. Inoltre un’attività fisica regolare infonde ottimismo e previene la depressione perché favorisce il rilascio delle endorfine naturali.

STRESS

Di tanto in tanto, tutti ci sentiamo sotto pressione. Un certo grado di stress è una parte inevitabile dell’esistenza, ma quando diventa una costante della vita quotidiana è causa di disturbi.

Lo stress è uno dei “nemici nascosti” della fertilità maschile e femminile. È noto, infatti, che alti livelli di stress possono provocare alterazioni nell’ovulazione e nel ciclo mestruale, nonché agire negativamente sul livello di testosterone maschile e sulla produzione di spermatozoi. 

IMPATTO AMBIENTALE

Fino a poco tempo fa, gli scienziati non prestavano molta attenzione agli effetti degli agenti ambientali sulla riproduzione umana, ma numerose ricerche condotte sugli animali hanno rilevato che le sostanze inquinanti influiscono in particolare sulla riproduzione maschile.

Le anomalie embrionali rappresentano la principale cause degli aborti spontanei durante i primi mesi di gravidanza, perché impediscono lo sviluppo normale e provocano la orte del feto. Anche se un tempo si credeva che il fenomeno dipendesse dall’ovulo femminile o da una mutazione casuale, ora è evidente che le anomalie spermatiche possono essere un fattore scatenante. Pur essendo talvolta ereditarie, possono essere anche legate a inquinanti ambientali.

Un recente studio dell’Università di Modena  presentato al meeting dell’European Society of Human Reproduction and Embryology, avanza l’idea di una relazione negativa tra l’inquinamento atmosferico e il sistema riproduttivo femminile, dopo che precedenti studi su ampi campioni di popolazione avevano già evidenziato ricadute sulla fertilità maschile riconducibili a cause analoghe.

Ti può interrare anche:

Amiocentesi: come e perchè si sceglie

Gravidanza e acido folico: quale connessione?

Gravidanza: quando prenotare la prima visita dal ginecologo?

"Fertilità", "Gravidanza"

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.