Strategie didattiche per bambini iperattivi o con disturbo dell’attenzione

Alcune utili indicazioni per classi particolarmente difficili

1 – Prima di iniziare la lezione vi consiglio di organizzare il più possibile la classe

A prescindere dal fatto che la migliore disposizione dei banchi e dei posti è a discrezione dell’insegnante, vi consiglio di controllare le eventuali fonti di distrazione presenti nella classe (esempio finestra, cestino …). I bambini che hanno disturbi dell’attenzione non devono essere posti in luoghi con troppe fonti di distrazione ma, non è ugualmente produttivo collocarli in una zona completamente priva di stimoli. Infatti, in questo ultimo caso, il bambino diventerà più iperattivo perché andrà alla ricerca di situazioni nuove e interessanti.

Cercate di disporre i banchi in modo che possiate passare agilmente e frequentemente in mezzo ad essi, in questo modo potrete controllare che i bambini più distratti o in difficoltà stiano eseguendo il lavoro e, soprattutto, che abbiano compreso la vostra consegna.

2 – Preparate lezioni stimolanti

I bambini con disturbi dell’attenzione o iperattività hanno prestazioni peggiori quando il lavoro assegnato è ripetitivo o lungo. Accorciate i tempi di lavoro e fate pause brevi e frequenti. Scegliete brani con immagini, interagite frequentemente con i bambini e modulate la voce per rendere la lettura più animata. Fate in modo che i bambini debbano rispondere frequentemente durante l’attività e abituateli a controllare il lavoro che stanno svolgendo.

3 – Aiutate il bambino iperattivo o con disturbo dell’attenzione a gestire il materiale

Date molta importanza all’organizzazione della classe e lasciate ai bambini almeno 5 minuti al giorno per riordinare il proprio materiale. Premiate gli alunni che hanno un banco particolarmente ordinato. Lodate e coinvolgete tutti la classe nel riordino, nell’abbellimento e nellorganizzazione della classe.

4 – Rinforzate i comportamenti positivi

E’ utile rinforzare e premiare i comportamenti positivi (stabiliti precedentemente), piuttosto che punire quelli negativi. Cercate di modificare i rinforzi positivi in modo da non perderne l’efficacia. Per i bambini iperattivi o con deficit dell’attenzione, si raccomanda di non punirli togliendo loro l’intervallo: questi alunni hanno il bisogno di scaricare la tensione e di socializzare con i compagni. Ricordate che le punizioni severe, note scritte o sospensioni, non portano a miglioramenti nel comportamento di questi bimbi.

5- Date regole semplici e chiare

Risulta particolarmente utile definire e mantenere semplici e chiare regole (meglio se condivise e decise con la classe). Se ne risulta la necessità, vi consiglio di rivederle con i bambini. E’ importante stabilire giornalmente o settimanalmente semplici obiettivi da raggiungere.

6 – Non dimenticate che …

è opportuno non creare situazioni di competizione, non focalizzatevi sul tempo impiegato per portare a termine il lavoro ma sulla qualità. Risulta opportuno dividere in sequenze gli esercizi o le prove di verifica per dare tempo al bambino di fare pausa.

Cercate di eludere i punti deboli del bambino (esempio se ha buone capacità linguistiche potete prediligere la sua espressione orale).

"Bambino", "Iperattività", "Scuola"

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.