Ricetta fai da te per fare le bolle di sapone … e la magia abbia inizio!

I bambini amano fare le bolle, quando ero piccola le preparavo con mia mamma e mia sorella ed ora mi ritrovo a farle con i miei figli.

Ecco la ricetta fai da te per fare bolle grandissime:

(usa come unità di misura un vasetto di yogurt vuoto)
– 1 vasetto di sapone liquido per i piatti (denso)
– 1/2 vasetto di acqua
– 1/3 di vasetto di glicerina liquida

La glicerina liquida si trova in farmacia: non è  obbligatorio usarla, ma certamente migliora il risultato. Metti tutto  il composto in un grande recipiente e lasciatelo riposare per almeno due  giorni perché il segreto delle bolle giganti è il tempo di riposo!

Buon divertimento!

            

Guest post di Daniele (Babboonline)

Qualche settimana fa, per molti giorni, mia figlia aveva manifestato una certa insofferenza per andare all’asilo. Accadeva che già la sera, scoppiando in crisi di pianto, ci dicesse apertamente di non voler andare all’asilo la mattina successiva. Questo comportamento ci aveva colti di sorpresa considerando che aveva sempre dimostrato un certo entusiasmo. Inoltre, motivava questa sua richiesta dicendo di voler stare a casa insieme a noi.

Cercando, non senza fatica, di mettere da parte i normali sensi di colpa dei genitori che lavorano, abbiamo provato a indagare i motivi di questo suo malessere. Abbiamo deciso di partire dalla constatazione di questo suo disagio, che per nostra figlia era reale, dandogli il giusto peso, senza minimizzare con frasi del tipo “Noi dobbiamo andare a lavoro, quindi tu devi andare all’asilo” o “All’asilo ci vanno tutti i bambini, non fare tante storie”.

Sono convinto che i problemi di un bambino piccolo non siano piccoli problemi. Per lui si tratta dei problemi della sua vita e, quindi, sono della massima importanza.

Non è facile farsi raccontare la giornata da un bambino per capire quali possano essere i motivi di ansie e preoccupazioni. Di solito le domande hanno l’effetto di produrre silenzio anziché risposte. Così abbiamo cercato di cogliere al volo i momenti nei quali dimostrava particolare voglia di raccontarci quello che le succedeva nel corso della giornata e raccontarsi attraverso le emozioni vissute. Di solito avveniva la sera prima di andare a letto. Un momento particolare, che determina comunque un distacco imminente determinato dal sonno.

Visto che la problematica riguardava l’asilo, dopo alcuni giorni, abbiamo ritenuto opportuno parlarne con le maestre per condividere con loro quello che accadeva a casa. Famiglia e asilo rappresentano le due principali realtà per un bambino piccolo ed è fondamentale un confronto aperto tra le persone coinvolte. Dal quotidiano dell’asilo non emergevano particolari segnali che potessero essere interpretati alla luce di quanto succedeva con noi. Le maestre ci avevano, comunque, assicurato che avrebbero monitorato la situazione con particolare attenzione.

Da qualche chiacchierate serale era emerso solo qualche screzio in più tra amichetti che aveva generato un po’ di nervosismo. La questione, quindi, doveva essere gestita, e risolta, principalmente da noi a casa.

Il principale nostro obiettivo è stato quello di cercare di rassicurarla sul nostro essere con lei. Alcune volte basta poco. Può essere sufficiente prendere un pomeriggio libero dal lavoro, da passare insieme. Oppure farle una sorpresa facendole trovare all’uscita dall’asilo sia il suo babbo che la sua mamma, e non solo uno dei due, per andare a prendere un gelato.

Ma poi la sera, quando ormai fuori è buio e si sta per andare a dormire, di fronte alle lacrime di una bambina bisogna fare ricorso a tutta la fantasia e a tutta la poesia che merita il suo amore per cercare di spiegarle che il suo babbo e la sua mamma le sono sempre vicini, anche quando lei è all’asilo e può accadere che arrivi un po’ di malinconia perché li vorrebbe con lei.

Visto che ultimamente capita che quando siamo distanti e non possiamo parlarci direttamente, ad esempio durante una festa o al corso di ginnastica, per dirci che va tutto bene ci facciamo un sorriso e ci mandiamo un bacio con la mano, io ci ho provato così:

Pensa a quando ti mando un bacio con la mano.

Non lo senti sulla guancia, ma c’è. E’ andato nel tuo cuore.

Quando non saremo insieme, io sarò come quel bacio dato da lontano.

Con te, dentro al tuo cuore.

non voglio andare all'asilo

 

 

sketchyIl guest post è stato scritto da Daniele che ho conosciuto ed apprezzato per gli articoli che pubblica sul suo blog.

 

Di seguito la sua presentazione:

Toscano, babbo di una bambina di quattro anni, con il mio blog www.babbonline.blogspot.it racconto la mia esperienza di padre fatta di quotidianità, pensieri, riflessioni, umorismo, progetti e sogni.

L’idea del blog è nata dopo aver scritto una mail a un amico lontano, già padre di due bambini, sui primi mesi di vita di mia figlia. Ho pensato di condividere questa meravigliosa nuova fase della mia vita con gli altri papà con la speranza di riuscire a coinvolgerli per aggiungere il loro contributo a quello delle mamme già presenti in Rete.

Giocando con mia figlia mi sono riaffacciato a un mondo di fantasia un po’ dimenticato. Così ho ripreso a disegnare e, da alcuni mesi, mi diverto a creare le immagine a corredo dei miei post.

Ho scritto la favola “Capelliblu” e il racconto “La cravatta del mio papà” al momento disponibili per la lettura nel mio blog ma sempre in cerca di qualche editore con una vena di pazzia.

 

Il mio blog è presente anche su:

Facebook https://www.facebook.com/pages/Babbonlineblogspotit/194757383960222?fref=ts

Twitter https://twitter.com/BABBOnline

Google+ https://plus.google.com/102442597845506510014#102442597845506510014/about

Instagram http://instagram.com/babbonline

Pinteresthttp://www.pinterest.com/babbonline

Anobii http://www.anobii.com/babbonline/books

Per contattarmi babbonline@gmail.com

 

Vi consiglio un giretto sul blog 😉

 

Lavori in un asilo, in una scuola dell’infanzia o in un centro estivo? Sei una mamma creativa? Ecco alcune idee per creare dei pesci tropicali con materiale di recupero: basta poco, piattini di carta, occhietti finti, tanto colore e fantasia.

il mondo sottomarino pesci piatti di carta

Trovato su the36thavenue.com

 

pesci costruiti con i piattini di carta

Trovato su iheartcraftythings.com

pesci piatti di carta 2

Trovato su diyhomedecorguide.com

pesci piatti di carta

Trovato su funfamilycrafts.com

100_0837100_0840 100_0841 100_0850

Trovati su Markyate.hearts

                

Idee e suggerimenti per decorare le aule

 

Ieri gironzolavo per la materna di Little England ed ammiravo i colori ed i lavori dei bimbi. Non ho resistito ed ho fotografato alcuni pannelli decorativi. Li condivido con tutti voi:

 

Colori e pannelli alla scuola dell'infanzia

 

Colori e pannelli alla scuola dell'infanzia

 

Colori e pannelli alla scuola dell'infanzia

 

Colori e pannelli alla scuola dell'infanzia

 

Colori e pannelli alla scuola dell'infanzia

 

Asilo nido e scuola dell’infanzia: attività didattiche per bambini

Open the door: – OGGI SI DIPINGE CON IL GHIACCIO!…

Guest post di Antonella Gnavi

Asilo nido e scuola dell'infanzia: attività didattiche per bambini

Materiali necessari: Contenitori per il ghiaccio, acqua, tempere liquide e …frigorifero!

Essendo un’attività non di prassi, va intesa come esperimento è quindi consigliabile organizzarlo direttamente con i bambini. In primis per il coinvolgimento emotivo, poi per valorizzare l’aspetto didattico(i concetti del prima/dopo, liquido/solido ) infine vedendo che si tratta di tempera liquida si eviterà anche la tentazione di succhiarsi il cubetto colorato….!!! (se l’attività viene utilizzata all’asilo nido io opterei comunque per i colori alimentari al posto della tempere )

Asilo nido e scuola dell'infanzia: attività didattiche per bambini

In un bicchiere mettere 1 parte di acqua e 1 di tempera, far mescolare dai bimbi e far riempire la vaschetta, poi riporre nel congelatore per un giorno intero. Quando si decide di passare all’attività pratica, cioè dipingere con i ghiacci colorati, utilizzare (se possibile) il cartoncino ruvido perché trattiene maggiormente il colore . Se si utilizza invece la carta da fotocopia utilizzare il modello A3 . Svolgere la fase della pittura a piccoli gruppi di max 4 bimbi, per poter seguire con attenzione le loro impressioni…..

Asilo nido e scuola dell'infanzia: attività didattiche per bambini

Buon lavoro e buon divertimento!

Venite a visitare la mia pagina facebook: Open the door ,facciamo circolare le nostre idee, i lavori dei bambini, le informazioni: apriamo insieme una porta sul mondo della creatività!

Maestra Antonella

Pagina facebook OPEN THE DOOR

 

Attività da fare con bambini da 0 a 5 anni (e oltre)

 

Le story sacks (le sacche-storia): un po’ gioco, un po’ storia, un po’ libro

 

unnamed (1)

Le story sacks, molto usate nei paesi anglosassoni, sono pressoché sconosciute in Italia. Si tratta di vere e proprie sacche (come quelle che si usano per metterci il cambio dei bambini dell’asilo, per intenderci) all’interno delle quali si possono trovare diversi materiali, (ai bambini, soprattutto ai più piccoli, piace molto “scoprire” cosa c’è all’interno di qualcosa, è un po’ come aprire un uovo di Pasqua, per cui il successo è assicurato…).

Facciamo un esempio che è sempre meglio comprensibile: ipotizziamo la story sacks dei 3 Porcellini, ci potreste mettere (o trovare se l’acquistate) dei burattini da dita o da mano o veri e propri peluche dei 3 porcellini e del lupo, un fondale in cartoncino con le immagini della prateria in cui vivono i 3 porcellini , i disegni o le miniature delle 3 casette, un pentolone in miniatura, un pezzo di paglia, di legno e un sasso, il libro dei 3 porcellini e il dvd con il cartone originale del ’33, un libricino con varie istruzioni e nuovi giochi da fare (per i genitori).

unnamed

Potete capire che con tutti questi materiali è facile rendere “reale” la storia ai bambini; si possono inventare anche nuovi finali, mimare la storia, far fare al bambino una volta la parte dei porcellini e l’altra quella del lupo, capire, magari cercando di romperli, la differenza fra la durezza della paglia, del legno e della pietra….

Le story sack (come ogni storia che si rispetti), devono essere lette in un luogo speciale: nell’angolo delle lettura.

Basta un grande tappeto colorato, cuscini morbidi e tanti libri (potete trovare tante idee e proposte sul sito: Isaff.com.

 

Potete acquistare le story sacks direttamente da siti quali:

– www.storysack.com (il prezzo per ogni sacca è però piuttosto elevato)

– un po’ più economiche su questo sito di risorse didattiche www.costcuttersuk.com

– oppure le trovate su e-bay, ma per la maggior parte si tratta di story sacks in materiale cartaceo ( più economiche).

Certamente con un po’ di fantasia potete fabbricarne voi stessi ( magari creando la story sacks della favola preferita dei vostri figli…).

Le maestre della scuola dell’infanzia sono sempre alla ricerca di attività creative per sviluppare la manualità fine e per fa divertire i loro piccoli alunni.

Ho trovato sul web delle idee carine create da colleghe che hanno come elemento comune la materia prima: un rotolo di carta igienica. Amo i laboratori con il materiale di riciclo e questi sono tutti da copiare perché bellissimi 😉

 

Minion Crafts

 

 

Minion TP Rolls: i bambini li adorano (sono i miei preferiti)

 

 

 

 

 

 

1-popup-magic-rabbit  

 

 

Magic Hat Bunny  –  ll coniglietto che esce dal cappello magico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Servizi igienici per disabili Flying Fish koinobori 

 

 

TP Rotolo Koinobori Socks vento  questi li voglio sul mio balcone 😉

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Idee Craft Forestale con TP Rolls e cartone

 

 

Cartone e TP Rotolo per questa fantastica foresta  semplice da fare e molto divertente

 

 

 

 

 

 

 

 

TP Rotolo Rocket

 

Rocket TP Roll -! Awesomeness Total  : per volare con la fantasia ….. come solo i bambini sanno fare.

 

 

 

 

Desk Tidy TP Craft Rotolo

 

 

TP Rullo Desk Tidy : tanti colori, rotoli di carta igienica e una scatola di scarpe … il gioco è fatto!

 

 

 

 

Tazzine TP Rotolo Mestieri

 

 

TP rotolo Tazzine  – non sono semplicemente intelligenti?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TMNT-igienica-carta-roll-dita-pupazzi-2-400x266

 

 

 

Impressionanti TMNT Puppets

 

 

 

auto di carta igienica

 

 

TP Rotolo Racing Cars: fantastiche !

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paddington-Bear-Artigianato-TP-Roll-Bear-Matchbox

 

 

Imbottitura Orso TP Rotolo Craft  completo di Matchbox Suitecase e Marmalade Panini. Aaaah.

 

 

 

 

 

 

 

 

      

Presso la nostra materna (Little England, Brescia), le maestre hanno abbellito il giardino con i bambini utilizzando il materiale di recupero conservato durante l’anno. Con semplici tappi di plastica hanno creato delle ghirlande colorate e con le bottiglie di plastica hanno decorato gli alberi.

 

Un’idea originale per questo inizio di primavera 🙂

 

Brave e creative le nostre colleghe della materna!

www.cittadelsole.it                           Kids vacation 250X250

Idee per divertirsi con i bambini utilizzando il materiale di recupero. Lavoro svolto dagli alunni di 4 anni della scuola bilingue di Brescia Little England.

Un ringraziamento particolare alla maestra Laura 😉

Riciclo creativo con i bambini

 

Riciclo creativo con i bambini

Ti può essere utile: