lavoretto primavera arcobaleno

“La natura è un insieme di pitture tridimensionali, ricche di colori e di minuziosi dettagli, che si trasforma in uno scenario reale e interattivo dal momento in cui l’arcobaleno diventa un magico pennello nelle mani del Creatore.”
JEAN-PAUL MALFATTI

Tutti, grandi e piccini, sono affascinati dal fenomeno dell’arcobaleno e, quindi, perché non proporre ai bimbi un bel lavoretto primaverile che permetta di ricostruirlo? Basta solo un pochino di fantasia, dote di cui è ricca Krissy Bonning-Gould del blog B-Ispiredmama.com.

Nel suo blog ha proposto un’attività semplice ed accattivante per creare un “ARCOBALENO IN MOVIMENTO”.

lavoretto primavera arcobaleno

Cosa serve:

  • una scatola di pasta (penne)
  • colori alimentari
  • cartoncino bianco
  • colla
  • forbici
  • cotone
  • colori alimentari
  • filo resistente
  • tanta pazienza 😉

 

Vi consiglio di fare un giretto sul suo blog per poter conoscere dettagliatamente i vari passaggi.

Rainbow Mobile Craft for Kids

Ti può interessare anche:

Tuff spot: idee per una didattica innovativa

 

Idea per un lavoretto semplice ma molto creativo adatto ai bambini di scuola dell’infanzia o per i piccoli del nido

 

Ho trovato questa idea su Thriving Home Blog e mi è piaciuta moltissimo: semplice e dolcissima!

Con poco materiale e tanta fantasia potrete trasformare i vostri piccoli alunni in teneri coniglietti 🙂

 

Materiale:

  • una fotografia per ogni bambino stampata su carta
  • cartoncino (su cui incollerete il cotone e la fotografia)
  • cotone
  • pittura
  • carta

 



Chi segue il mio blog conosce la mia passione per le porte delle sezioni di scuola dell’infanzia decorate a tema. Le immagini che condivido sono spesso tratte da Pinterest e provengono dalle scuola in Uk e Spagna.

Oggi, dopo aver trascorso la giornata in casa a causa della pioggia, ho cercato delle belle immagini che raffigurassero le porte delle sezioni in stile “primavera”; ecco le mie preferite:

Voglia di primavera porte decorate da copiare

 

Salvato da lifeinfirstgrade1.blogspot.com

porte primavera decorazioni sezioni scuola infanzia asilo nido materna

Salvato daBig DIY Ideas

porte primavera decorazioni sezioni scuola infanzia asilo nido materna 1

Salvato da learningdevelopmentactivities.blogspot.com

porte primavera decorazioni sezioni scuola infanzia asilo nido materna 2

Salvato da imageneseducativas.com

porte primavera

Salvato da Zezia Loo

 Vi piacciono?

 

cosa pensano dell'amore i bambini

di Niki Scavolo, Laura Malzanini e la Classe Butterflies 2015/16

 

Cogliendo i festeggiamenti per la festa degli innamorati, San Valentino, io e la maestra Laura abbiamo deciso di ripetere con i bambini grandi un lavoro che avevamo svolto con i grandi due anni fa.  Ho letto un libro alla classe che parla dell’amore fra una mamma o papà coniglio e il loro piccolo: “Amore di Emma Dodd ippocampoedizioni”.

La maestra Laura ha presentato alcuni quadri famosi (di Keith Haring e Gustav Klimt) che parlano d’amore e ha chiesto ai bambini di disegnare e colorare una loro interpretazione dell’amore.

Dopo una breve riflessione in classe, una alla volta, i bambini sono stati invitati a parlare con me su questo concetto molto astratto, ma tanto conosciuto dai bambini, l’Amore. La prima domanda era “Cos’è l’amore?” e alcuni bambini hanno iniziato subito a raccontarmi che cos’è l’amore per loro. Altri hanno avuto bisogno di essere un po’ più aiutati a riflettere. Gli ho chiesti se si sentono amati e da chi, e se anche loro amano qualcuno. Ad alcuni ho chiesto se l’amore era grande o piccolo e se fosse un colore quale sarebbe. Gli ho chiesto se l’amore è caldo o freddo – tutti hanno detto caldo! Alcuni mi hanno spiegato dove vive l’amore e cosa bisogna fare per coltivarlo. Altri hanno riflettuto sui diversi tipi di amore: fra un uomo e una donna, l’amore di una mamma e papà per il proprio figlio, l’amore per il proprio cane.. Prendendo spunto da una bambina che parlava di amore come esperimento chimico,  ho chiesto ad alcuni bambini quali ingredienti compongono l’amore. Altri mi hanno detto che cosa NON è l’amore.

I nostri bambini grandi sanno tantissime cose sull’amore, molto più di quanto pensavamo. Sanno tutti di essere amati e che l’amore è una cosa grande di cui non si può farne a meno. Insomma, una cosa seria!

 

Di seguito potete trovare le loro riflessioni. Buona lettura!

 

Niki

 

L’amore è un arcobaleno. La mamma mi fa sentire il suo amore. Lo sento nel cuore. So che mi vuole bene perché mi da i baci. Anche mio papà mi ama. L’amore è mio fratello che gioca con me.

 

 

L’amore è innamorarsi. Non so se si può sentire l’amore, ci devo pensare. L’amore è quando due persone si vogliono bene come i miei genitori. L’amore è se si piange e poi si consola. Bisogna dare i baci e regalare i cuori. Quando il papà è andato a Reggio Emilia l’amore si è staccato molto, perché l’amore fa le crepe quando ci si allontana.

 

Love is kisses, rainbows…a love-heart. You feel love in your heart. I love my sister because she gives me a kiss.Love is big and red!

 

L’amore è volersi bene, abbracci e baci. Si riesce a sentire l’amore dentro il cuore che batte. Un po’ di tempo fa ero a casa con i miei genitori e ho sentito l’amore. L’amore è quando papà cucina. Se fosse un colore l’amore sarebbe rosso. L’amore è una cosa grande.

 

Se l’amore fosse un colore sarebbe rosso come un cuore. Non è piccolo, è una cosa grande. Si sente l’amore, si può toccarlo con le mani. E’ come un esperimento di chimica, è fatto di abbracci, baci, coccole, parole gentili come “ti voglio bene mamma e papà”. L’amore è caldo!

 

 

 

L’amore è rosso e grande. Non si riesce a toccare l’amore, ma lo si sente quando si danno i baci. Mi sento bene quando ricevo i baci. L’amore è quando mia mamma e papà hanno fatto il matrimonio. Io amo mia sorella perché è carina e mi fa ridere. Il mondo senza l’amore sarebbe triste.

 

 

 

 

L’amore è volersi bene, è rosso, caldo e grandissimo! Sento spesso l’amore quando sono con mia mamma e papà. L’amore è fatto di baci, di parole gentili, di mia mamma che mi fa gli scherzi e mio papà che mi fa il solletico. L’amore non è brutto, è molto importante!

 

Mio papà e mia mamma sono l’amore. Ho visto l’amore in un libro con le loro foto dove si sono baciati. E’ il loro album. Mio papà e mia mamma e tutti i miei fratelli ci vogliamo bene. Si sente l’amore nel cuore. E’ piccolo ma caldo. Sarebbe triste senza l’amore perché è una cosa importante.

 

 

L’amore è quando si baciano e si vogliono bene e si vogliono sposare. E’ bella, rossa, grande e caldo. L’amore è la felicità, la gioia, essere contenti. A volte si litiga ma poi bisogna stare lontani per capire come far tornare l’amore. Si sente l’amore nel cervello e nel cuore. E’ fatto di calore, di baci, di parole belle e gentili, ascoltare i genitori, non dire bugie e non litigare. Io sono innamorata di ….ma è un segreto!

 

L’amore è la mia famiglia e tutti quanti e anche te (Niki) e le mie maestre. Se fosse un colore sarebbe di tutti i colori. E’ più grande del sole, della luna e anche più grande di un baobab. E’ più grande di 100 migliaia di palazzi. Gli ingredienti che servono per creare una pozione d’amore sono: baci, sostanze che fanno ridere e piangere dalla gioia, parole gentili come grazie e per favore e ti voglio bene. L’amore ti fa sentire molto bene. Io vorrei fare una bella festa di San Valentino qui a scuola per chi si ama!

 

L’amore è molto molto bello. Ho provato l’amore per mia mamma, papà e nonni. Mi dicono che l’amore è molto bello. Se fosse un colore sarebbe rosa o rosso. E’ una cosa grande e calda. E’ fatta di cioccolatini alle fragole, caramelle, sorrisi e di tanti baci, come i 10 baci che ho dato ieri alla mia mamma. L’amore è il mio papà che mi fa ridere quando sente la puzzetta!

 

L’amore sono le mie amiche, la mia famiglia ed il mio cane boxer che si chiama “Africa”. L’amore è nel mio cuore e mi fa sentire bene. E’ un cuore rosso, gigante e caldo. L’amore vuol dire cuori, baci, parole gentili, le telefonate di mio papà, volersi bene. Vuol dire amare una persona. L’amore fra gli innamorati può finire ma l’amore fra una mamma o un papà e la loro bambina non può mai finire.

 

L’amore è vita, è abbracciarsi, condividere i giochi, fidanzarsi, fare pace con gli amici, avere tanti amici. Io provo l’amore per la mia famiglia, per il mio criceto morto e per i miei 2 pesci. L’amore è un arcobaleno grande e caldo che vive nei nostri cuori.

 

L’amore è la vita, baciarsi, volersi bene, le coccole, il bacetto. L’amore non è urlare o litigare. L’amore è essere gentile, come mio papà che mi fa tanti scherzi e mi far ridere. Io non amo le lenticchie, i broccoli o la minestra, ma amo la bistecca! Io sento l’amore nel mio cuore. Il mondo sarebbe brutto senza l’amore.

 

L’amore è volersi bene con gli occhi. Mi ama mia mamma, mio papà e le mie sorelle e anch’io gli amo.  Elisa mi fa capire che mi ama. L’amore è rosso, grande e caldo, piena di baci e lo sento nel cuore.

 

L’amore è stare insieme, vuol dire volersi bene. Non è fatto di parolacce perché se no Gesù ti fa operare!  E’ fatto di belle parole come “ti voglio bene”. Se fosse un colore sarebbe rosso. E’ una cosa grande. Qualcosa di caldo che sento nella pancia.

L’amore è l’amicizia, che ti vuole tanto bene. Puoi far capire ad una persona che lo ami con un regalo, una coccola o un bacio. E’ una cosa grande. I cuori, baci e le coccole creano l’amore. Io provo amore per i miei genitori e per la mia sorella. L’amore vive nei cuori e anche nel cervello.

 

L’amore è un arcobaleno. L’amore è il papà che costruisce la casa per i poveri. La mamma è andata via e io faccio compagnia al papà. Ma non va via l’amore anche quando sei lontano. L’amore è rosso e grande e lo sento nel cuore.

 

L’amore è un bacio sulla bocca e sulla guancia. E’ fare le coccole ed i grattini. E’ rosso, grande e caldo e vive dentro il cuore. Io mi sento felice perché l’amore è anche felicità e amicizia.

 

L’amore è volere bene, essere gentili. Mia mamma e papà mi fanno vedere che mi amano facendomi da mangiare, dandomi i baci, mi abbracciano e mi fanno giocare. Se fosse un colore l’amore sarebbe nero perché a me piacciono tutti i colori. E’ grande, non piccolo, è caldo non freddo, altrimenti prenderesti il raffreddore! Io amo tutti, per esempio la mia famiglia e tutti quelli che conosco e basta.

 

L’amore sono le belle parole, l’amicizia, le coccole ed i baci. E’ volere bene. L’amore è grande e di color rosso. Io amo mio fratello, la mia mamma ed il mio papà. Lo sento dentro di me. L’amore è una bella cosa.

 

L’amore è una cosa bella. E’ volere bene. Io so che la mia famiglia mi ama perché mi abbracciano e mi danno i baci. Mia mamma mi ama perché mi viene a prendere dopo scuola e mi porta a casa. I miei genitori giocano con me. Se l’amore fosse un colore sarebbe viola, grande e caldo. L’amore vive dentro di me.

 

L’amore è voler bene. Io amo mia mamma e mio papà e loro mi amano tanto. Mi fanno capire che mi amano perché mi danno gli abbracci ed i regali. Mi regalano tanti giochi! Io amo …………. ma ogni volta lei mi picchia ma io non faccio niente, non so perché lo fa! Lei sa che l’amo. L’amore è una cosa grande. So che i miei genitori si amano perché si baciano sempre in bocca!

 

Non ho ancora deciso chi amo… L’amore è anche mamma, papà e mio fratello. Mi fanno capire l’amore perché mi amano! L’amore vuol dire baciarsi e regalare anelli. Io amo il mio cane che vive dalla nonna. L’amore è di color rosso ed è grande. L’amore ti fa sentire bene. L’amore vive in casa!

 

Non saprei cos’è l’amore….anzi, è quando ami una persona, tipo mamma, papà nonni e zii. So che mi amano perché mi baciano e mi danno gli abbracci. Non si può vivere senza l’amore.

 

L’amore è perché ti fanno nascere la mamma e papà. L’amore vive nel cuore e il mio papà cura il cuore delle persone, ma lui non cura l’amore, si amano già le persone. Se fosse un colore l’amore sarebbe rosso o rosa o fatta di tutti i colori! L’amore è quando si innamorano. E’ una cosa bella. Mia mamma mi ama perché mi fa sempre le coccole, anche mio papà mi ama perché mi compra i giochi. Mi da anche i baci qualche volta, ma ne vorrei di più. L’amore è una cosa grande. Se fosse un colore sarebbe rosso. L’amore è dentro qua, nel petto

 

Di Andrea B, Francesco, Niccolò, Gianluca, Luigi, Alice, Anjelica, Nicholas, Leonardo A, Enrico, Sofia, Valerio, Andrea Z, Vittoria M, Orlando, Beatrice, Elisa, Federico, Francesca, Pietro, Giulia, Vittoria D.P., Carlo, Giulio, Leonardo F, Michele, Martina ….in nessun ordine particolare!

L’AMORE E’…

Amate le costruzioni lego?

Vi propongo un’attività divertente e stimolante per sviluppare tutte le componenti legate alle capacità viso-spaziali.

Puzzle di lego

OCCORRENTE:

  • fogli formato A4 colorati
  • pennarello indelebile nero
  • blocchi colorati lego duploDisegnate varie forme geometriche con le costruzioni lego utilizzando un pennarello indelebile nero. Sistemate i fogli colorati sul tavolo e chiedete ai bambini di abbinare i blocchi di lego duplo con le immagini disegnate.

Ottima idea per giocare ad orientarsi in uno spazio minimale, osservarne la forma e intuirne le parti che la compongono.

Vi piace l’idea?

 

Un gioco divertente per dire addio alle lunghe candele di muco giallo: ecco come insegnare ai bambini a soffiarsi il naso

 

La stagione fredda è ormai arrivata e con lei il raffreddore: incubo di mamme, maestre e bambini. Si vedono gironzolare bambini con “candele di muco lunghissime”, maniche di magliette gialline, faccine con uno strato appiccicaticcio di catarro … brrr.

Ma come insegnare ai bambini a soffiarsi il naso?

Per noi adulti è una competenza semplice ma per i bambini è molto complesso.

Ho pensato di proporvi un gioco che utilizzavo quando lavoravo in asilo nido per insegnare ai miei piccoli alunni a soffiarsi il naso: spero vi possano essere utili.

 

La magia del nostro naso

Raffreddore: giochi per insegnare ai bambini piccoli come soffiarsi il naso

Immagine tratta dal sito SMH.COM

Per i bambini è molto intuitivo soffiare con la bocca, lo fanno spesso. Difficilmente soffiano l’aria con il naso e, quindi, spesso non sanno come fare.

Il primo passo è quello di fargli percepire la “magia del loro nasino” e le sue capacità.

Preparate dei pezzetti di carta velina colorata e disponeteli in un semplice contenitore. Mettete alcuni pezzettini di carta velina sulla vostra mano e fate vedere ai bambini che riuscite a farli volare tenendo la bocca chiusa con la forza del vostro naso.

Fate ripetere l’esercizio ai vostri allievi aggiungendo, successivamente una variante: dovranno soffiare solo con una narice, l’altra dovranno chiuderla premendo su di essacon un dito.

Quando diventano abili potete creare una pista per il volo della carta velina con tanto di partenza ed arrivo. Il bambino che farà volare più velocemente i pezzetti di carta velina fino al traguardo avrà vinto.

 

           

Molto utile per le mamme sono i bagnetti in vasca dove i bambini potranno divertirsi a fare le bolle nell’acqua con il naso.

Quando capiscono come soffiare, possono iniziare a soffiarsi il naso nel fazzolletto.

Buon lavoro 🙂

La filastrocca del raffreddore

La rosolia in gravidanza: pericoli e prevenzione

muco giallo insegnare ai bambini a soffiarsi il naso

Indicazioni per mamme, papà ed educatrici di asilo nido. Come affrontare il distacco dopo tanti giorni passati a casa con mamma e papà? Rientrare all'asilo nido o alla Scuola dell'infanzia dopo tanti giorni di vacanza non è mai facile: sembra di rientrare da un lungo viaggio con 4 ore di fuso orario da recuperare!

Indicazioni per mamme, papà ed educatrici di asilo

nido.

Come affrontare il distacco dopo tanti giorni passati a casa con mamma e papà?

 

Rientrare all’asilo nido o alla Scuola dell’infanzia dopo tanti giorni di vacanza non è mai facile: sembra di rientrare da un lungo viaggio con 4 ore di fuso orario da recuperare!

Come prepararsi?

school

Alcuni suggerimenti per mamma e papà:

 

1. Orario di risveglio

Iniziate a riprendere gradatamente la routine delle nanne e, soprattutto, del risveglio. Se dal 7 gennaio i vostri piccoli dovranno alzarsi alle ore 7:00 non lasciateli dormire fino all’ultimo giorno fino alle 10:00.

La prima settimana di scuola svegliate i bambini un pochino prima dell’orario previsto, in questo modo avranno il tempo per potersi preparare con calma e fare qualche coccola in più. Il rientro sarà meno traumatico e frenetico.

2. Ricordate al vostro bimbo quanto è bello andare a scuola

I bimbi dovranno essere stimolati a rientrare a scuola: parlategli dei loro amichetti, rileggete i libri utilizzati all’asilo, riguardate i lavoretti e fatevi spiegare come li hanno fatti. Se avete tempo, passate fuori da scuola con il vostro bambino e chiacchierate con lui.

school

 Alcuni suggerimenti per le insegnanti:

 

1. Attività di lettura animata presso l’asilo nido e la scuola dell’infanzia

Consiglio di organizzare delle attività accoglienti, che “avvolgono” e coccolano i vostri piccoli alunni.

Leggere un libro nell’angolo morbido è sempre un’attività molto amata dai bambini. Creare un angolo per la lettura è semplice: bastano dei cuscini (li trovate sul sito Isaff.com), libri cartonati, un tappettone e un OMBRELLO.

foto-libreria-asilo-nido-lettura-animata
Trovato su thewiseowlfactory.com

 

Perché un ombrello?

Perchè crea l’atmosfera della magia e rappresenta un elemento nuovo che i bambini non avevano visto prima delle vacanze.

L’idea l’ho rubata in Inghilterra. Qualche anno fa ho partecipato ad un corso d’aggiornamento in Uk dove un gruppo di maestre presentava delle attività di lettura animata con le story sacks utilizzando graziosi ombrelli decorati come i seguenti:

 

 

school

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Immagini trovate su katherinemariephotography.com e makeandtakes.com.

school

Scegliete i libri proposti a settembre per l’accoglienza, perfetti anche per mantenere l’attenzione in classe e facilmente acquistabili su Amazon:

         

          

Potete proporre anche dei libri sulla Befana, l’ultimo personaggio fatato che ha animato le lunghe vacanze natalizie.

1. Attività di accoglienza per asilo nido e scuola dell’infanzia

I bambini piccoli amano parlare di mamma e papà ma per loro è difficile spiegarsi. Potete chiedere alle famiglie di portare all’asilo una scatola dei ricordi con numerose fotografie.

Per i bimbi sarà bello raccontare ed avere tanti oggetti che gli permetteranno di sentire i genitori più vicini. Il contenuto delle scatole dovrà essere ben esposto e di facile accesso per i bambini.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

school

E se volete proporre un’attività per accogliere l’inverno vi consiglio questo post: giocare con il ghiaccio – attività didattica per bambini – asilo nido e scuola dell’infanzia

attività didattica inverno asilo nido scuola infanzia bambino

 

 

foto-arte -scuola-infanzia-nido-rapporto-genitori-scuola

Ogni anno presso la scuola dell’infanzia e del nido Little England di Brescia le maestre organizzano un momento molto atteso da grandi e piccini: la celebrazione dei lavori. L’obiettivo è quello di potenziare il rapporto di collaborazione fra la scuola e la famiglia.

Questo evento viene progettato seguendo la tradizione delle scuole anglosassoni.

 

I genitori vengono invitati a scuola e le insegnanti, con l’aiuto dei bambini, espongono tutti i lavori svolti durante i mesi precedenti.

E’ un momento molto bello:

– i bambini aprono le porte del loro mondo e possono mostrare e spiegare come trascorrono le loro giornate a mamma e papà:

– i genitori possono passare del tempo nella sezione e conoscere meglio le attività svolte.

Di seguito alcune fotografie scattate durante la celebrazione dei lavori:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per informazioni: www.littlengland.it oppure 030 2511684 (nido/infanzia) 030 322280 (primaria), 030 320136 (secondaria di I grado).

L’arredamento del nido e della scuola dell’infanzia Little England si ispira al modello montessoriano e alle scuole di Reggio Emilia ed è stato acquistato in prevalenza dalla ditta Isaff arredi.