Le parole interrotte di Patrizia Rinaldi

“Tutto cominciò quella sera che mi portarono dal dottore. Anzi era una dottoressa […].

Andai verso la porta chiusa e la aprii solo un poco. Vidi mia madre e mio padre che parlavano con la cicciotella. […]

Papà e mamma parlavano a turno con lei […] mi girava la testa, le parole erano tante e difficili. Capivo solo qualcosa.

Poi mamma e papà non fecero più parlare la dottoressa e i discorsi diventarono più facili. Diventarono facili non perché erano facili veramente, ma perché li avevo sentiti mille volte e quindi per me erano facili: colpa-tua, colpa-mia, per esempio, oppure responsabile-tempo pieno e anche-io-lavoro-cosa-credi.”

 

Continua a leggere

foto_ADHD e compiti a casa

I bambini ADHD hanno una difficoltà specifica nell’organizzazione e nella gestione dei compiti complessi. Per questi bambini fare i compiti a casa è una sfida quotidiana: devono memorizzare, gestire e coordinare un numero notevole d’informazioni contemporaneamente.

L’esperienza di questi alunni è troppo spesso frustrante: dopo aver sperimentato la fatica di una mattinata di intense attività cognitive, rischiano di avvertire come un sopruso il dover rimandare attività più piacevoli perché obbligati a un ulteriore carico di lavoro. “Il tempo dei compiti in questi casi può generare nei bambini e nei loro genitori un profondo senso di inadeguatezza, con momenti di tensione e contrasto tali da compromettere talora la serenità familiare”.

Il testo della Erickson ADHD e compiti a casa. Strumenti e strategie per bambini con difficoltà di pianificazione, di organizzazione e fragilità di attenzione può essere un utile strumento per sostenere ed affiancare i bambini dai 7 ai 14 anni nello svolgimento dei compiti da svolgere a scuola.

L’obiettivo del testo è quello di rendere i bambini gradualmente più autonomi; per questo motivo cerca di fornire degli strumenti originali e motivanti per:

• allestire lo spazio fisico di lavoro, organizzando in modo funzionale il materiale necessario;
• valutare e gestire correttamente i tempi, anche rispettando le date di scadenza per la consegna;
• valutare e gestire correttamente le proprie risorse, fruendo di pause appropriate;
• suddividere un compito complesso in più parti e portare a termine correttamente ognuna di esse;
• verificare gli errori e correggerli.

 

Io credo che quando Dio ci ha creati

non poteva mettere ogni cosa a posto.

Così Egli deve aver tralasciato qualcosa in ognuno di noi.

Non è importante quello che ha tralasciato,

ma che qualsiasi cosa che ha messo dentro di noi,

ognuno cerchi di scoprire cosa ha di speciale questa cosa

e la sviluppi al meglio.

Malcom Alexander (scultore dislessico)

La casa editrice Erickson ha presentato l’atteso libro della logopedista Rossella Grenci Le aquile sono nate per volare, una lettura inedita della dislessia che consiglio a genitori ed insegnanti.

“Le aquile sono nate per volare” propone una lettura inedita della dislessia e accompagna il lettore nella comprensione di questa complessa e straordinaria caratteristica, dai segnali predittivi alle nuove modalità di apprendimento, fino allo sviluppo del genio creativo. Il volume offre a insegnanti e genitori numerosi suggerimenti pratici e una sorprendente galleria di biografie di personalità illustri del passato e del presente, ritenute o accertate come dislessiche. Il libro si articola attraverso i seguenti punti chiave: Cos’è la dislessia oggi, lo stato della ricerca negli ultimi anni, strategie di apprendimento alternative, abilità visuo-spaziali e creatività nella dislessia, biografie di dislessici geniali.

Le aquile sono nate per volare

Il punto di forza di questo libro è l’autrice, Rossella Grenci logopedista esperta di dislessia ma sopratutto donna attenta a bisogni e ai sogni dei bambini e capace di accogliere le paure dei genitori.

Rossella Grenci è molto attiva sul suo blog e anche nel gruppo che ha creato su facebook (Le aquile sono nate per volare). Prima del libro ho apprezzato proprio lei ed ho iniziato a seguirla. Se avete dubbi o volete informazioni sulla dislessia è sempre molto disponibile ed è anche generosa perché condivide articoli anche di altri esperti del settore.

Nel libro potete ritrovare tutta la sua energia e la passione che mette nel suo lavoro.

Puoi acquistare Le aquile sono nate per volare. Il genio creativo nei bambini dislessici qui

Uno strumento per migliorare e semplificare la redazione del PDP per gli alunni con DSA

Quest’anno scolastico abbiamo compilato con l’aiuto della nostra referente DSA il piano didattico personalizzato per alcuni bambini della scuola. Per avere un supporto ho acquistato il testo della Erickson Costruire il piano didattico personalizzato. Indicazioni e strumenti per una stesura rapida ed efficace. Con aggiornamento online ed ho deciso di scrivere una recensione perché l’ho trovato veramente molto utile.

Bes

Questo testo è molto semplice e dettagliato. Lo ritengo importante per ogni docente perché non è solo un mezzo per ridurre i tempi e rendere più pratica la compilazione del PDP (comunque sempre utile), ma è sopratutto uno strumento per scegliere i contenuti più corretti da inserire.  Ci sono molte griglie ed esempi per orientarvi nella stesura del piano didattico. Il manuale vi permetterà di compilare e gestire un PDP non più rigidamente, vi aiuterà ad elaborarlo di volta in volta in base alle caratteristiche individuali e ai bisogni dell’alunno con DSA, migliorando la qualità del progetto educativo e l’efficacia della comunicazione con la famiglia.

Il libro è uscito nel 2012 ed è stato utilizzato da molti insegnanti. Ho letto diverse recensioni dove sono evidenziati i punti di forza di questo utile strumento:

– si producono dei PDP molto più precisi, puntuali e veramente personalizzati, riferiti cioè su uno specifico alunno con DSA, con le sue criticità e potenzialità, stimolando un reale confronto critico tra gli insegnanti coinvolti;

– la compilazione è giudicata abbastanza veloce, pienamente compatibile con i tempi della scuola;

– offre materiale chiaro e esempi molto pratici per capire che cosa sono le misure e gli strumenti compensativi;

– aiuta a capire come valutare l’alunno con DSA;

– specifica gli impegni che la famiglia deve avere.

 

 

Vi lascio il link per poter sfogliare il libro così potete capire se vi può interessare: Sfoglia il libro

Il testo è acquistabile anche su Amazon scontato: Costruire il piano didattico personalizzato. Indicazioni e strumenti per una stesura rapida ed efficace. Con aggiornamento online
😉

A titolo informativo vi inserisco l’indice

Presentazione (Patrizio Tressoldi)
Introduzione (Flavio Fogarolo)

CAP. 1 Il Piano Didattico Personalizzato (Flavio Fogarolo)
CAP. 2 Conoscere l’alunno (Melisa Ambrosini e Barbara Carta)
CAP. 3 Didattica individualizzata e personalizzata(Melisa Ambrosini, Barbara Carta, Claudia Munaro e Caterina Scapin)
CAP. 4 Gli strumenti compensativi (Flavio Fogarolo e Paolo Rizzato)
CAP. 5 Le misure dispensative (Piera Baron e Luigi Ceola)
CAP. 6 La valutazione (Maria Rita Cortese e Angiolella Dalla Valle)
CAP. 7 Gli impegni della famiglia (Maria Rita Cortese e Angiolella Dalla Valle)
CAP. 8 Guida all’uso del software Costruire il Piano Didattico Personalizzato

Vi consiglio la visione della presentazione del testo:

Puoi acquistarlo qui: Costruire il piano didattico personalizzato. Indicazioni e strumenti per una stesura rapida ed efficace. Con aggiornamento online

commento lascia