foto-bilinguismo

Bilinguismo: svantaggio o opportunità?

HOTEL SAN SALVADOR

di Stefania Feriti docente di scuola primaria presso la scuola primaria bilingue Little England di Brescia

La presenza dell’educazione bilingue nella dimensione europea è ormai evidente se si considerano gli sforzi fatti sia a livello dell’Unione Europea, sia da parte di esperti e di insegnanti sul campo, nella promozione di modalità di insegnamento ed ambienti di apprendimento sempre più legati al bilinguismo.

L’Unione Europea ha sottolineato da diversi anni la necessità che ogni cittadino sia in grado di usare la propria madrelingua e almeno due delle lingue usate nell’Unione. Lo stesso Consiglio e la Commissione Europea, nel 2004, affermavano che

“tutti i sistemi educativi dovrebbero assicurare che i loro allievi dispongano alla fine dell’istruzione secondaria, delle conoscenze e delle competenze necessarie a prepararli al loro ruolo di futuri cittadini europei. Ciò richiede in particolare il rafforzamento dell’insegnamento delle lingue a tutti i livelli e della dimensione europea nella formazione degli insegnanti e nei curricoli dell’istruzione primaria e secondaria.”

L’insegnamento precoce di almeno una lingua straniera, a livello di scuola dell’infanzia o scuola primaria, è quindi una prima risposta a questa esigenza. Insieme a programmi di apprendimento precoce della lingua, si sta facendo strada in maniera sempre più diffusa la possibilità di un insegnamento bilingue che parta fin dai primi livelli di istruzione.

Prima di valutare le possibilità offerte dall’educazione bilingue, ritengo tuttavia fondamentale considerare tre punti: il primo sarà cercare di fornire una definizione del termine, seguito da una breve riflessione su vantaggi e svantaggi del bilinguismo e da un excursus sulle teorie legate all’apprendimento linguistico. Non è possibile a mio avviso parlare di educazione bilingue senza prima aver affrontato questi “passaggi fondamentali”.

 Definizione di bilinguismo

Definire il bilinguismo è una preoccupazione costantemente espressa nei libri e in molti articoli che trattano l’argomento. E’ tuttavia un compito complesso: in base alle esperienze individuali con il plurilinguismo, all’attitudine personale o al proprio ambito di ricerca, l’opinione su cosa sia il bilinguismo può variare in maniera considerevole.

Prendiamo ad esempio Ó Riagáin e Lüdi, che in uno studio promosso dal Consiglio d’Europa, considerano il bilinguismo come

“l’abilità di comunicare in due (o più) lingue, indipendentemente dal livello di competenza, dalle modalità o età di acquisizione e dalle relazioni psicolinguistiche tra le diverse lingue che compongono il repertorio del parlante.”

Nonostante, a livello funzionale, questa definizione sia corretta, non ci si può esimere da un’analisi più approfondita del concetto al momento di valutare rischi ed opportunità di un’educazione bilingue. In primo luogo, come indicato in precedenza, occorre sottolineare la multidimensionalità del fenomeno, che fa riferimento a competenze, componenti e conoscenze differenti. In secondo luogo, il termine riguarda esperienze molto diversificate, per cui l’esposizione ad una seconda lingua ed il relativo livello di performance in entrambe risulta determinato da una molteplicità di fattori quali la storia personale dell’individuo e il contesto di acquisizione delle lingue, nonché da fattori più specifici quali l’età, il tempo e la qualità dell’esposizione alle stesse. Secondo Brooks

“il bilinguismo consiste nella capacità da parte di un individuo di esprimersi in una seconda lingua aderendo fedelmente ai concetti ed alle strutture che di tale lingua sono propri, anziché parafrasando dalla lingua nativa.”

Mac Namara afferma invece che

“per considerare un individuo bilingue è sufficiente che esso si dimostri abile in uno solo degli aspetti riguardanti il linguaggio (fonologici, morfologici, lessicali, semantici e sintattici).”

Renzo Titone infine sostiene che esistano non solo diversi gradi, ma anche diversi tipi di bilinguismo. N.-F. Mackey, nel suo libroLanguage Teaching Analysis (1965), ne descrive un certo numero:

  • gli individui che parlano due lingue correntemente, ma la cui lingua materna continua ad esercitare un’influenza manifesta sull’uso e la pronuncia della seconda lingua;
  • gli individui che parlano due lingue, ma nessuna delle due come un autoctono;
  • gli individui che possiedono strutture e vocabolario di due lingue come autoctoni, ma ne pronunciano bene solo una;
  • gli individui che pronunciano alla perfezione due lingue, ma padroneggiano solo la grammatica di una delle due;
  • infine gli individui che padroneggiano un vocabolario ugualmente esteso in due lingue, ma in campi molto diversi.

Gli esempi citati rappresentano solo alcune delle innumerevoli definizioni legate al bilinguismo. Quello che appare chiaro è che il termine bilinguismo esprime un concetto relativo, per cui non ci si deve porre la domanda: “Questa persona è bilingue?”, ma piuttosto “In che modo è bilingue?”. Questa distinzione rende tuttavia difficile qualsiasi tipo di discussione sul problema del bilinguismo.

Per cercare di fare una descrizione, seppur incompleta, del concetto di bilinguismo, ho deciso di partire dallo schema proposto da Hamers e Blanc, adattandolo però a questo studio e analizzando in particolare quattro dimensioni:

 

Dimensioni Tipo di Bilinguismo
1. Competenza linguistica a.                  Bilinguismo bilanciatob.                  Bilinguismo dominante
2. Età di acquisizione a.                  Bilinguismo precoce o simultaneob.                  Bilinguismo consecutivoc.                  Acquisizione tardiva
3. Organizzazione cognitiva a.                  Bilinguismo compostob.                  Bilinguismo coordinato
4. Ambienti di uso della L2 a.                  Bilinguismo familiareb.                  Bilinguismo scolastico

 

  1. La competenza linguistica

Quando si parla di competenza linguistica si identificano quattro  dimensioni: comprensione, competenza orale, lettura, competenza scritta. Queste dimensioni vanno a formare la cosiddetta competenza comunicativa, che permette di utilizzare la conoscenza della lingua per rispondere ai bisogni pragmatici generati in un dato contesto. Sono molte le persone che conoscono perfettamente le regole grammaticali, ma che poi non riescono a sostenere una breve conversazione con un madrelingua. Altri invece sono in grado di comunicare, ma non sanno scrivere correttamente in lingua straniera. In questi casi non possiamo considerare una persona come bilingue, in quanto la sola competenza orale o scritta non è sufficiente. E’ più corretto affermare che una persona è bilingue se ha un’ottima competenza comunicativa, vale a dire che i livelli di competenza nelle quattro dimensioni del linguaggio sono elevati e permettono quindi scambi comunicativi efficienti e formulati in maniera corretta nelle due lingue.

Sulla base della competenza linguistica si tende a distinguere il bilinguismo bilanciato, in cui la competenza nelle due lingue conosciute dal parlante bilingue è equivalente, da quello dominante, in cui la competenza in una delle due lingue è superiore all’altra.

  1. L’età di acquisizione

Acquisire due lingue simultaneamente o farlo consecutivamente può ripercuotersi sul rapporto tra funzioni cognitive, sviluppo del linguaggio e capacità comunicative e sociali in tali lingue. Nel definire la nostra idea di bilinguismo, dovremo prendere in considerazione l’età di acquisizione. Parleremo quindi di:

– bilinguismo precoce (o Bilingual First Language Acquisition, BFLA) o acquisizione simultanea quando i bambini sono esposti fin dalla nascita a due lingue contemporaneamente. Esso riguarda quei bambini che, dalla nascita fino almeno ai sei anni, sentono regolarmente due lingue. Solitamente, questi bambini capiscono bene entrambe le lingue, ma è possibile che inizino a parlarne prima una poi l’altra.

– apprendimento precoce di una seconda lingua (Early Second Language Acquisition, ESLA) o acquisizione consecutiva è quello che riguarda i bambini che iniziano ad essere esposti regolarmente ad una seconda lingua intorno ai tre anni. Anche in questo caso, i bambini mostreranno segnali di comprensione molto prima di cominciare a parlare nella seconda lingua.

Si parla infine di acquisizione tardiva quando la seconda lingua viene appresa dopo la pubertà.

  1. L’organizzazione cognitiva

Relativamente al rapporto tra sistema semantico e concettuale, è possibile individuare due tipologie di bilinguismo che riflettono altrettante organizzazioni cognitive. Esse tentano di spiegare il modo in cui due lingue coesistono in uno stesso individuo, definendo il tipo di relazione esistente tra le parole delle due lingue conosciute e i relativi concetti.

Parleremo così di bilinguismo composto quando alle parole equivalenti dei due lessici corrisponde un unico concetto, mentre nei casi di bilinguismo coordinato ne corrispondono due. Secondo questa distinzione esisterebbero due differenti modi di processare le due lingue, modi il cui sviluppo sarebbe intrinsecamente legato all’età e al tipo d’esposizione alla seconda lingua. Coloro che hanno acquisito le due lingue fin dalla nascita tenderebbero ad avere un bilinguismo di tipo composto, mentre i bambini esposti successivamente alla seconda lingua tenderebbero ad averne uno di tipo coordinato. Tuttavia, sebbene esista un’importante relazione tra i fattori indicati, non è possibile affermare che esista una corrispondenza biunivoca, per cui un bambino bilingue (simultaneo o consecutivo) può sviluppare contemporaneamente un sistema linguistico composto per alcuni concetti e coordinato per altri.

  1. Ambienti di uso della seconda lingua

Solitamente il bambino BFLA impara entrambe le lingue nello stesso ambiente (pensiamo per esempio a due lingue parlate a casa, una delle quali viene parlata anche fuori casa), mentre il tipico bambino ESLA impara le due lingue in due ambienti diversi (ad esempio, una a casa e una a scuola). Questa distinzione sugli ambienti di apprendimento è utile perché può avere ripercussioni sulla quantità dell’esposizione linguistica. Se poi i diversi ambienti offrono più di due lingue, ci troveremo di fronte ad una situazione di multilinguismo.

E’ importante ricordare tuttavia che i punti sopra indicati non pretendono di rappresentare un panorama esaustivo, dato che il dibattito sulla classificazione è ancora aperto. La mia opinione personale, alla fine di questa presentazione è che fondamentalmente esistano tre tipi di bilinguismo:

– il primo è un bilinguismo parentale, in cui i bambini acquisiscono la L2 fin dalla nascita grazie alla presenza di due genitori che parlano con il bambino due lingue diverse;

– il secondo è un bilinguismo sociale, dove i bambini acquisiscono la L2 fin da piccoli, ma non all’interno del nucleo familiare. Questo è il caso di famiglie immigrate, in cui entrambe i genitori parlano una lingua, che però non è la stessa parlata nel Paese in cui la famiglia comprare accutane online. In questo caso l’acquisizione della L2 verrà stimolata dall’interazione con i gruppi sociali con cui il bambino avrà a che fare fuori dal nucleo familiare;

– il terzo è invece un bilinguismo scolastico, che prevede che i bambini acquisiscano la L2 solo nel contesto scolastico. È il caso di bambini che frequentano scuole bilingue o scuole in cui la lingua prevalente non è quella parlata dai genitori (mi riferisco a scuole bilingue italiano-inglese, italiano-tedesco, italiano-francese o alle varie British School, American School etc.)

Quello che accomuna i tre gruppi è l’età precoce di acquisizione linguistica, che è a mio avviso uno dei punti fondamentali che definiscono la possibilità di essere considerato bilingue.

Vorrei concludere questo paragrafo con una breve riflessione: le accezioni del termine possono essere infinite, ma qualunque modello di bilinguismo deve a mio avviso evitare di considerare il bilingue come due monolingui in uno o di classificare i bilingui in categorie che siano fisse ed immutabili. È necessario però che si sviluppi una vera teoria linguistica del bilinguismo, che affronti in questa prospettiva tutte le problematiche fin qui sviluppate a partire dal monolinguismo e che sia in grado di fare fronte alle richieste di una società sempre più multiculturale e quindi multilinguistica.

BIBLIOGRAFIA

 

LIBRI E PUBBLICAZIONI

Agazzi, Didattica degli insegnamenti linguistici,Vita e Pensiero, Milano, 1975.

Anzideo, Piccoli immigrati in Europa. Confronto tra le strategie di inserimento scolastico, tesi di laurea. Università Cattolica del Sacro Cuore, Corso di laurea in Scienze della formazione a.a. 2002/2003 rel. M. Santeri

E. Balboni, Dizionario di glottodidattica, Guerra Edizioni, Perugia 1999.

P.E. Balboni, (a cura di), Educazione Bilingue, Guerra Edizioni, Perugia 1999

Baker, Foundations of Bilingual Education and Bilingualism, 3rd ed. Multilingual Matters, Clevedon

Bernarducci, L’acquisizione del linguaggio e del bilinguismo, Tesi di Laurea, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Facoltà di Psicologia 1, Corso di laurea in Diagnosi e Riabilitazione dei Disturbi Cognitivi, a.a. 2005/2006, rel. P. Zoccolotti.

Berruto, Sociolinguistica dell’italiano contemporaneo, La Nuova Italia Scientifica, Roma 1987.
Bondi, D. Ghelfi, B. Toni, (a cura di). Teaching English – Ricerca e pratiche innovative per la scuola primaria, Tecnodid Editrice, Napoli, 2006
Cardinali, L’insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria attraverso un approccio ludico-comunicativo, tesi di laurea. Università di Urbino, Corso di laurea in Scienze della formazione a.a. 2010/2011 rel. R. Coles.
Carli, (a cura di), Aspetti linguistici e interculturali del bilinguismo. Franco Angeli, Milano.,
Chomsky, Le strutture della sintassi, Laterza, Roma, 1980.
C.M. Coonan, La lingua straniera veicolare, UTET, Torino, 2002.
Consejería de Educación – Comunidad de Madrid, Los Programas de Enseñanza Bilingüe de la Comunidad de Madrid. Un estudio comparado, Madrid 2012.
Deshays, Come favorire il bilinguismo dei bambini, Red Edizioni, Novara 2003.
Elsner, J. Kessler, Bilingual Education in Primary School, Narr Francke Attempto Verlag GmbH + Co. KG, Tübingen, 2013.

Elsner, J. Kessler, Bilingual Education in Primary School, Narr Francke Attempto Verlag GmbH + Co. KG, Tübingen, 2013.

European Commission/EACEA/Eurydice, Towards a Mobility Scoreboard: Conditions for Learning Abroad in Europe. Publications Office of the European Union, Luxembourg, 2013.

European Commission, Teaching and learning: toward the learning society, European Commission, Brussels, 1996.

Extra, K. Yağmur (eds.), Language Rich Europe – Tendenze nelle politiche e nelle pratiche per il multilinguismo in Europa, Cambridge University Press, Novembre 2012

Eurydice, Content and Language Integrated Learning (CLIL) at school in Europe: Country Report: Germany. European Commission, Bruxelles 2006.

Giunchi, Introduzione all’acquisizione delle lingue, Edizioni della Facoltà di Lettere e Filosofia La Sapienza, Roma 2002.

Grosjean, Life with Two Languages: An Introduction to Bilingualism, Harvard University Press, Cambridge 1982.

Hoff & M. Shatz (eds.), Handbook of Language Development , Blackwell, Oxford, England,

Hughes, Studies in bilingual Education, Bern [etc.], 2011.

Krashen, Why Bilingual Education? Office of Educational Research and Improvement, U.S. Department of Education, 1997.

Laurence, N. Njouogwa, Osservare l’interlingua a scuola, tesi di laurea, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Università degli Studi di Bologna, Facoltà di Scienze della Formazione, Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria, a.a. 2005/2006. Rel. G. Pallotti.

Marsh, B. Marsland, T. Nikula (a cura di), Aspects of implementing plurilingual education, The continuing education centre, University of Jyväskylä, Finlandia 1997.

Marsh, P. Mehisto, D. Wolff, M.J. Frigols Martín, European Framework for CLIL Teacher Education – A framework for the professional development of CLIL teachers, European Centre for Modern Languages, Council of Europe.

Ó Riagáin, G. Lüdi, Bilingual Education: some policy issues, Council of Europe, Strasbourg 2003.

Paciotto, F. Toso, Il bilinguismo tra conservazione e minaccia: esempi e presupposti per interventi di politica linguistica e di educazione bilingue, Angeli, Milano 2004.

Porcelli, Principi di glottodidattica, La Scuola, Brescia, ristampa 2013.

Porcelli, Comunicare in lingua straniera: il lessico, UTET-Libreria, Torino 2004.

Pulvirenti, F. Applicazioni didattiche degli studi sulle sequenze di acquisizione della L2, Tesina finale del corso di formazione CIS, Università degli Studi di Bergamo, Rel. E. Nuzzo, 2009.

Sánchez Llana, Bilingual Education Models in Primary Schools: The Case of Asturias, Trabajo fin del Máster en Ensenanza Integrada de la lengua inglesa y contenidos: educación infantil y primaria, Universidad de Oviedo, Facultad de Formación del Profesorado y Educación, 2013.

Santipolo, (a cura di), Educare i bambini alla lingua inglese, Pensa MultiMedia Editore, Lecce-Brescia, 2012.

Taeschner, Insegnare la lingua straniera. Prospettive teoriche e didattica per la scuola elementare, Il Mulino, Bologna, 1987.

Titone, Bilinguismo precoce ed educazione bilingue. Armando, Roma, 1976.

Warren & H. M. Benbow (eds.), Multilingual Europe: Reflections on Language and Identity, Cambridge Scholars Publishing, Newcastle upon Tyne, 2008.

Weinreich, Languages in Contact: Findings and Problems, Dover Publications, New York, 1953.

 

RIVISTE E PERIODICI

Bonifacci, G. Cappello, S. Bellocchi, “Linguaggio e cognizione: implicazioni dal bilinguismo” in Rivista Italiana di Filosofia del Linguaggio, n. 5, 2012.

Bialystok, “Reshaping the mind: the benefits of Bilingualism in Canadian Journal of Experimental Pshchology, vol. 65, n. 4, 2011.

Bialystok, F.I.M Craik, D.W. Green, T.H. Gollan, “Bilingual Minds”, in Psychological Science in the public interest, n. 10. 2009.

C.M. Coonan, “Opportunità di usare la LS nella lezione CLIL: importanza, problemi, soluzioni”, in Studi di Glottodidattica 2009, 2.

Gelso, “Creoli e interlingue: un confronto”, in Italiano LinguaDue, n. 1. 2009.

Lucatorto, “Insegnamento bilingue: problema o risorsa? Dalle esperienze passate agli studenti stranieri in Italia”, in Studi di Glottodidattica, n.1, 2007.

Skela, “The Communicative Approach to Foreign Language Teaching: naturally rational or rationally natural? A picture history of ELT” in Vestnik, 39, 93-111 (trad.it. “L’approccio comunicativo all’insegnamento della lingua straniera: naturalmente razionale o razionalmente naturale? Storia illustrata dell’insegnamento della lingua straniera (inglese)”, a cura di Barbara Cauzzo e Maria Bortoluzzi) 2005.

Ramos, “Fomentando el bilingüismo en la escuela en dos contextos diferentes: los programas bilingües inglés-español en Estados Unidos y Andalucía”, in Revista Española de Educación Comparada, 13, 2007.

Lova Mellado, M.J. Bolarín Martínez, M. Porto Currás, “Programas bilingües en Educación Primaria: Valoraciones de docentes”, inPorta Linguarum  20, 2013.

 

DOCUMENTI E NORMATIVA

Comunicazione del Consiglio e della Commissione, Istruzione e formazione 2010. L’urgenza delle riforme per la riuscita della strategia di Lisbona. Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea del 30.4.2004.

Communication from the commission to the council, the European Parliament, the Economic and Social Committee and the Committee of the Regions, Promoting Language Learning and Linguistic Diversity: An Action Plan 2004-2006, Brussels, 24.07.2003, COM (2003) 449 final

Conclusiones del Consejo, de 19 de mayo de 2006, sobre el indicador europeo de competencia lingüistica. DOC172 de 25.7.2006.

Consiglio “Istruzione, gioventù e cultura”, Risoluzione del Consiglio relativa a una strategia europea per il multilinguismo, 16207/08 EDUC 273 SOC 718 CULT 138.

Consiglio d’Europa, Common European Framework for Languages: Learning, Teaching, Assessment, Language Policy Division, Strasbourg, 2001.

DL 19 febbraio 2004, n. 59 Definizione delle norme generali relative alla scuola dell’infanzia e al primo ciclo dell’istruzione, a norma dell’articolo 1 della legge 28 marzo 2003, n. 53.

DM 3 giugno 1991, Orientamenti dell’attività educativa nelle scuole materne statali.

Junta de Andalucía – Consejería de Educación – Dirección General de Innovación Educativa y Formación del Profesorado, Guía Informativa para Centros de Enseñanza Bilingüe – Metodología y Evaluación, 2011.

18 dicembre 1997, n. 440, in materia di Istituzione del Fondo per l’arricchimento e l’ampliamento dell’offerta formativa e per gli interventi perequativi.

Ministerio De Educación, Cultura y Deporte de España. Currículo integrado hispano-británico para educación infantil y orientaciones para su desarrollo, Centro Nacional de Innovación e Investigación Educativa, Madrid 2012.

Ministerio de Educación y Ciencia, Orientaciones para el desarrollo del currículo integrado hispano-británico en educación primaria, Estilo Estugraf Impresores, Madrid, 2006.

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’Infanzia e del Primo Ciclo di Istruzione, 2012.

Orden del 16 mayo 2005 del Consejero de Educación e Instrucciones del 1 de Junio de la Viceconsejería de Educación.

 

RISORSE ONLINE

British Council Italia, MIUR – DG per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica, Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, Gruppo di Monitoraggio del Progetto IBI/BEI (UNIMORE), Il Progetto IBI/BEI nella scuola primaria: Sintesi del Rapporto di Monitoraggio, 2014. Disponibile all’indirizzo:http://www.britishcouncil.it/sites/britishcouncil.it/files/final_sintesi.pdf

Dobson, M.D. Perez Murillo, R. Johnstone, Bilingual Education Project Spain: Evaluation Report, British Council, 2010. Disponibile all’indirizzo http://www.britishcouncil.org/spain/sites/default/files/pdfs/bep-ingles.pdf

Gandola, L’insegnante specialista di lingua straniera: una specie in via di estinzione, 2010. Disponibile all’indirizzo:http://www.gildavenezia.it/docs/archivio/2010/magg2010/specialisti_estinzione.pdf

Eurydice Network, Key Data on Teaching Languages at school in Europe, 2012. Disponibile all’indirizzo:http://eacea.ec.europa.eu/education/eurydice/documents/key_data_series/143en.pdf

Eurobarometer, European and their languages, 2006. Disponibile all’indirizzo:  http://ec.europa.eu/public_opinion/archives/ebs/ebs_243_en.pdf

Magnani, Guida pratica al CLIL, Orizzonti Scuola. Disponibile all’indirizzo:http://www.unifg.it/sites/default/files/allegatiparagrafo/22-01-2014/magnani_verifica_e_valutazione_in_clil_prove_orali_e_scritte.pdf

Mehisto, Excellence in Bilingual Education – A guide for School Principals, The Cambridge Teacher Series, 2012. Disponibile all’indirizzo:http://education.cambridge.org/media/576417/excellence_in_bilingual_education__a_guide_for_school_principals___cambridge_education___cambridge_u_samples.pdf

Minardi, CLIL Content Language Integrated Learning: (s)punti di partenza. Disponibile all’indirizzo:  http://www.programmallp.it/box_contenuto.php?id_cnt=1203&id_from=1

M.J. Naharro, Note sul bilinguismo e problemi con esso correlati, Centro Virtual Cervantes. Disponibile all’indirizzo http://cvc.cervantes.es/literatura/aispi/pdf/10/10_009.pdf

Office for Official Publications of the European Communities, Many tongues, one family – Languages in the European Union, Europe on the move series, Belgium, 2012. Disponibile all’indirizzo: http://www.formacionsve.es/salida/documentos/61.pdf

Sisti, Un progetto d’insegnamento in rete della lingua inglese nelle scuole materne ed elementari. Disponibile all’indirizzohttp://www.crtpesaro.it/Progetti/Progetto%20Lingue%202000/Convegno%20di%20Pesaro/Flora%20Sisti.pdf

 

ARTICOLI DI GIORNALE

Gutiérrez, 2012, La UAB formará a maestros bilingües en inglés a partir del próximo curso, La Vanguardia, 2012.

Nicastro, La Spagna punta sulle scuole bilingui. Nel segno del compromesso, Corriere della Sera, 22 febbraio 2014.

&nbsp

Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *